Guarda il video del sequestro di 12 kg. di cocaina nascosta sotto i vestiti dei passeggeri

ROMA – I militari del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Roma, in collaborazione con i funzionari dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli, in meno di 24 ore, hanno proceduto all’arresto di tre “insospettabili” trafficanti che cercavano di introdurre nel territorio nazionale oltre 12 chilogrammi di cocaina purissima.
All’apparenza potevano sembrare passeggeri come tanti, magari dal look un po’ stravagante: in realtà, sotto le mentite spoglie di un amante del turismo o di due indaffarati manager, si celavano veri e propri esperti corrieri, al soldo di un’organizzazione dedita al traffico internazionale di sostanze stupefacenti.
I finanzieri del Gruppo di Fiumicino, grazie all’acume investigativo e a una meticolosa attività di intelligence, hanno subito svelato i fantasiosi quanto insidiosi metodi di occultamento adottati dai narcotrafficanti per eludere i controlli.
Infatti, nella prima circostanza, è stato individuato un passeggero cileno, in arrivo da Buenos Aires, insospettabile turista, ospite in Italia presso alcuni parenti emigrati anni prima, con al seguito alcune confezioni di prodotti cileni, tra barattoli di locale maionese e creme per la cura del corpo. Il soggetto è apparso, in prima battuta, fin troppo determinato a giustificare il trasporto di così tanti vasetti e flaconi, solo per ricambiare l’ospitalità offertagli dai suoi familiari. L’ostentata sicurezza è però crollata dinnanzi alla scoperta dell’effettivo materiale trasportato, abilmente occultato all’interno delle confezioni, involucri in lattice contenenti cocaina purissima composta da sostanza liquida gelatinosa per complessivi sei chilogrammi.
Immediatamente dopo l’arresto del turista cileno, le fiamme gialle hanno intercettato l’arrivo di altri due passeggeri, di origine lettone, ma provenienti da San Paolo del Brasile, risultati “frequent flyer” per il Sud America.