Save the Children: “In Siria milioni di bambini conoscono solo la guerra. Disordini mentali per uno su quattro”

0

ROMA (di Edoardo Altamura) – Invisible Wounds – The impact of six years of war on the mental health of Syria’s children è il titolo disarmante di un rapporto tremendo: quello pubblicato da Save the Children, che testimonia le profonde ferite psicologiche dei bambini siriani che hanno conosciuto solo la guerra, perché ci sono nati e ci stanno crescendo.

“Il rapporto rispecchia le visioni e le voci di bambini e famiglie che sono state influenzate dai sei anni di guerra in Siria, consultati nel gennaio e nel febbraio 2017. Il nostro sincero riconoscimento va ai 458 bambini, adolescenti ed adulti che hanno partecipato a questo processo”.

Secondo i dati, più di 3 milioni di bambini siriani, al di sotto dei sei anni, hanno conosciuto nient’altro che la guerra e la situazione dello Stato risulta ancora peggiore se consideriamo che proprio questi bambini dovranno ricostruire il Paese in un futuro prossimo. «Studi riguardanti la salute mentale dei bambini siriani rifugiati mostrano variabili livelli di traumi e distress (n.d.r. aggressività, angoscia, passività). […] molto meno si conosce riguardo all’impatto sui bambini ancora all’interno dello stato, uno su quattro di questi è al momento a rischio di sviluppare disordini di salute mentale».

Lo studio, il più ampio ed onnicomprensivo sull’argomento, testimonia il terribile prezzo da pagare per i bambini, che risultano profondamente turbati, e che presentano sintomi terrificanti di emotional distress, come ansia riguardo al futuro, sconvolgimenti per i bombardamenti e le incursioni aeree e che inoltre non riescono a rispondere nemmeno a stimoli positivi «quando cantiamo tutti insieme non rispondono per niente, […] non ridono come dovrebbero normalmente. Disegnano immagini di bambini massacrati (butchered) nella guerra, o carri armati, o l’assedio e la mancanza di cibo».

Ma la situazione è ancora più disarmante e i dati percentuali, dei quali riporto una parte, ne sono veicoli assoluti:

  • 84% degli adulti e circa tutti i bambini affermano che i continui bombardamenti e sparatorie sono la causa primaria di stress psicologico nella vita di tutti i giorni,
  • 89% afferma che il comportamento dei bambini è diventato più timoroso ed ansioso con il proseguimento della guerra,
  • 80% afferma che bambini ed adolescenti sono diventati più aggressivi e per 71% i bambini soffrono in misura maggiore di orinazione involontaria e frequentemente bagnano il letto – entrambi sono sintomi comuni di toxic stress e di disturbo post traumatico da stress (PSTD),
  • 51% afferma che gli adolescenti fanno uso di droga per vincere lo stress,
  • 48% degli adulti è testimone di bambini che hanno perso l’abilità di parlare o hanno manifestato difetti di pronuncia da l’inizio della guerra,
  • 59% degli adulti conosce bambini e adolescenti che sono stati arruolati in gruppi armati,
  • metà degli intervistati afferma che gli abusi domestici sono aumentati.

La pubblicazione completa è disponibile in lingua inglese a questa pagina di savethechildren.it/ferite-invisibili

No comments

*