Sunniti e Sciiti: dove hanno origine le lotte tra musulmani

0

(di Edoardo Altamura) – Sunnita: il popolo delle tradizioni di Maometto. Sciita: sostenitori (politici) di Ali, genero di Maometto. Definizioni derivanti dall’arabo, che meglio ci aiutano a capire questi due termini di cui tanto sentiamo parlare in relazione al popolo musulmano. Sunniti e sciiti sono dunque i due rami principali in cui esso si suddivide. I primi, come si legge anche in una articolo sul Post Internazionale, costituiscono la maggioranza, ovvero circa il 90% della popolazione musulmana. “I membri delle due scuole di pensiero – si legge nell’articolo – hanno coesistito per centinaia di anni condividendo i princìpi fondamentali dell’Islam, spesso chiamati “i cinque pilastri”:

  1.  – Shahadatein: l’accettazione di un unico Dio e di Maometto come suo ultimo profeta; 
  2.  – Salah: le cinque preghiere quotidiane obbligatorie; 
  3.  – Zakah: la donazione del 2.5 % dello stipendio annuale ai poveri; 
  4. Siam: il digiuno nel mese di ramadan; 
  5. Hajj: il pellegrinaggio a La Mecca da fare almeno una volta nella vita (obbligatorio per tutti quelli che sono in grado di affrontarlo).

Quando è avvenuta allora la rottura? Nel 632, con la morte del profeta Maometto, quelli che poi sarebbero diventati i sunniti sostennero come califfo (leader della comunità musulmana) Abu Bakr, studioso islamico e compagno del profeta; gli sciiti decisero che il diritto, e quindi il privilegio, fosse dei discendenti di Maometto e quindi scelsero Ali Ibn Abi Talib, il genero, visto che il profeta non aveva avuto figli maschi.

Molte scuole di pensiero sunnite –  si legge ancora nell’articolo – ritengono che gli sciiti siano i peggiori nemici dell’Islam” infatti “sono spesso visti come eretici e vengono accusati di venerare il loro Imam Ali e i suoi discendenti.”. 

Per questo motivo, e per altri, i sunniti hanno perseguitato e ucciso molti sciiti anche civili nei Paesi islamici; ciò ha portato questi ultimi “a riorganizzarsi socialmente formando partiti e gruppi militanti.”

No comments

*

Merce contraffatta, acquirente multato

FORTE DEI MARMI – Gli agenti della polizia municipale di Forte dei Marmi, diretti dal comandante Gisueppe Antonelli, nell’ambito del consueto servizio di controllo sul territorio, ...