Abbonata a 8 utenze, si vede recapitare bollette di insoluti: denunciato per truffa il “venditore”

0

CAPANNORI  – A finire nei guai, per una truffa inerente false sottoscrizioni di abbonamenti per numeri di telefonia mobile, è stato un 33enne residente nel Chianti. L’ indagine, svolta dalla Sezione reati comtro il patrimonio della Squadra Mobile della Questura, è iniziata a seguito di specifica denuncia sporta da una giovane capannorese, che gestisce un esercizio di ristoro nella immediata periferia del capoluogo. La giovane, che non aveva stipulato alcun contratto in tal senso, si è vista recapitare da un notissimo gestore telefonico nazionale bollette per diverse centinaia di euro insoluti, per ben 8 utenze radiomobili. Dopo la ricezione della denuncia gli investigatori, sospettando una truffa purtroppo sovente riscontrata, hanno effettuato le indagini del caso, verificando che il gestore telefonico aveva subappaltato il procacciamento di nuovi clienti tra gli altri ad una società del Chianti, che aveva attivato le 8 utenze in questione con la copia di un documento della giovane ristoratrice lucchese, apponendo una firma in calce ai contratti evidentemente difforme e dunque falsa, disconosciuta dalla denunciante. Al termine degli accertamenti il giovane fiorentino, vantante tra l’altro specifici precedenti, che evidentemente per intascare le provvigioni della società committente aveva stipulato falsi contratti, è stato denunciato per i reati di falso ideologico, truffa e sostituzione di persona.

No comments

*