Abusò di un bimbo di sei anni, condannato il pedofilo

0

LUCCA  – ( di Letizia Tassinari ) – Undici anni di carcere per l’artigiano di Capannori, accusato di aver abusato per sette lunghi anni di un bambino, all’epoca dei fatti, di soli sei anni. L’indagine, iniziata a marzo dello scorso anno e diretta dal pm Sara Polino, portò i Carabinieri ad arrestare il presunto pedofilo, dopo pedinamenti e filmati, sorprendendolo sotto casa del piccolo come Romeo che attende sotto la finestra la sua Giulietta. Nessuna difesa, davanti al gip, l’imputato è rimasto muto. E per lui, oggi, si sono aperte le portere del carcere.

Furono i militari dell’Arma di Capannori, congiuntamente ai colleghi del nucleo radiomobile di Lucca, all’epoca diretto dal capitano Lorenzo Angioni, ad eseguire l’ordinanza di custodia cautelare in carcere nei confronti di Franco Leone, un operaio di 63 anni. L’indagine era cominciata il 7 marzo del 2013, e nel veloce lasso di tempo trascorso i carabinieri avevano raccolto sufficienti indizi per far sì che il sostituto procuratore Sara Polino emettesse l’ordine di arresto. Gli abusi dell’operaio – come riferirono durante la coferena stampa i vertici dell’Arma, erano iniziati sette anni prima quando la sua vittima, oggi 14enne, era solo un bimbo di sei anni. Quando il piccolo aveva cominciato a interessarsi ai suoi coetanei il pedofilo era stato preso dalla gelosia e si era confidato con un 16enne, raccontandogli di essere innamorato del piccolo angelo. Le indagini erano scattate proprio grazie all’adolescente, che letti i messaggini d’amore dell’anziano al bambino, si era rivolto ai Carabinieri di Capannori. Arrestato con la pesante accusa, era finito in cella a San Giorgio, in isolamento. Oggi, con la sentenza di primo grado, al Tribunale di Lucca, il collegio giudicante ha messo la parola fine su questa triste vicwenda.

No comments

*