Accoltellamenti a Massa: in aula le foto-choc dei cadaveri

0

MASSA – Escono dall’aula con le lacrime agli occhi e visibilmente scioccati i parenti dei due ragazzi uccisi a Massa la notte di Natale del 2013, Andrea Fruzzetti (21) ed Enrico Baria (30), mentre il Pm Rossella Soffio mostra alla corte d’assise le fotografie dei cadaveri accoltellati, durante la prima udienza del processo contro Andrea Mazzi(24) accusato di duplice omicidio volontario. Al tribunale di Massa il Pm ha prodotto una prima parte del materiale video e fotografico riguardante la notte del 25 dicembre 2013, quando Fruzzetti e Baria furono uccisi a coltellate da Mazzi: il luogo dell’omicidio, il sangue copioso sui marciapiedi, le auto distrutte dalla furia dei ragazzi durante la rissa, con i vetri infranti dei lunotti, l’arma del delitto, un coltello ‘alla Rambo’ con lama nera, e poi i due cadaveri.
Nelle foto si vedono i segni delle coltellate inferte da Andrea Mazzi: su Andrea Fruzzetti quella che gli ha squarciato il torace e quella letale al cuore, che glielo ha trapassato; su Baria invece le sette coltellate, al costato e al polmone. I parenti non hanno retto alle immagini forti e sono usciti dall’aula. La difesa ha chiesto alla corte, presieduta dal giudice Giovanni Sgambati, di ammettere a processo la perizia psichiatrica che proverebbe l’incapacità di intendere e di volere di Mazzi al momento dell’omicidio, ma la richiesta stata rifiutata. Il Pm ha sostenuto infatti che, dal quadro clinico emerso a seguito dell’arresto di Mazzi, non esista alcuna grave infermità mentale, avallata da certificati medici, comprovata prima degli avvenuti fatti di sangue.

( fonte Ansa )

No comments

*