Accusa un malore, arriva la Polizia e lo trova con oggetti rubati

LIVORNO – La Polizia ha indagato in stato di liberta D.M., tunisimo del 96, domiciliato a Livorno, con pregiudizi di polizia e penali.

Uno straniero, a bordo di un mezzo pubblico, era stato colto da malore. Quando gli agenti sono arrivati lo stesso era a bordo di un’ambulanza per le cure.

L’uomo deteneva una borsa da palestra in tela di colore blu contenente alcuni indumenti da ginnastica, e detergenti per il corpo.

Dopo un accurato controllo è stato trovato in possesso di un  abbonamento relativo ad una palestra della citta’.

Gli agenti procedevano quindi ad una perquisizione personale che dava esito positivo in quanto l’uomo e’ stato trovato in possesso di un giravite lungo 11 centimetri con manico di colore  giallo e nero, un giravite lungo 17 centimetri col manico di colore rosso, un piccone senza manico lungo 24 centimetri di colore rosso,  e diversi cellulari, alcuni senza sim.

Le successive indagini hanno permesso di rintracciare il proprietario del borsone della palestra asportato nella mattinata e tutti i proprietari dei telefoni cellulari ai quali sono stati restituti in sede di denuncia.

Tra le vittime vi e’ una persona alla quale e’ stata asportata dalla propria auto una borsa contenente oggetti personali, documenti, portafogli e un cellulare marca samsung mod. a3 di colore bianco corrispondente ad uno di quelli rinvenuti allo straniero.

La signora all’interno degli uffici di polizia, mediante composizione fotografica, riconosceva nel cittadino fermato, l’autore del furto dalla stessa subito.