Aeroporti, il Tar dà ragione alla Regione

0
FIRENZE – Il Tar della Toscana ha respinto la richiesta di sospensione dell’efficacia delle delibere della giunta regionale relative all’adesione da parte della Regione all’Offerta pubblica di acquisto promossa da Corporacion America per l’acquisto delle azioni dell’aeroporto di Pisa, ritenendo quindi insussistenti i presupposti per accordare la richiesta cautelare e non consistenti gli elementi di fumus. Per il tribunale poi, non si configurano ragioni di estrema gravità e urgenza tali da imporre la sospensione di tali delibere, da qui il respingimento della richiesta di misura cautelare, e la decisione di convocare la Camera di consiglio per la trattazione collegiale il 27 giugno.
Il Tribunale di Firenze, sezione specializzata delle imprese, si era espresso anch’esso contro la richiesta di sequestro cautelare delle quote azionarie di proprietà della Regione presentata sempre dal sindaco di Pisa, Marco Filippeschi. A seguire era poi giunto il parere della Consob, che equipara l’Opa obbligatoria all’Opa volontaria totalitaria. Terzo schiaffo quindi per il sindaco di Pisa: dal Tribunale di Firenze, specializzato per l’impresa; dalla Consob, l’autorità di vigilanza del mercato azionario; dal Tribunale amministrativo della Toscana. Queste pronunce confermano e spianano il percorso intrapreso dalla giunta regionale con l’obiettivo di garantire alla Toscana un sistema aeroportuale più forte e competitivo, in cui per entrambi gli scali di Pisa e Firenze, così come previsto dal Piano nazionale del governo, si realizzino gli sviluppi di crescita previsti per Pisa (fino a 7 milioni di passeggeri) e Firenze (fino a 4,5 milioni).

 

No comments

* VERIFICA SCRIVI I CARATTERI CHE VEDI NELL'IMMAGINE SOPRA