Aggredirono violentemente un avvocato, in manette due fratelli

0

FIRENZE – La polizia ha eseguito le ordinanze di custodia cautelare emesse dal Gip presso il Tribunale di Firenze, dottor Alessandro Monetim  su richiesta del Pm Gianni Tei, titolare dell’indagine relativa all’aggressione di un avvocato fiorentino avvenuta a settembre all’interno del suo studio.

In manette con l’accusa di lesioni gravi ed aggravate in concorso, sono finiti due fratelli di origine siciliane di 40 e 41 anni.

Entrambi erano stati individuati e denunciati dagli investigatori del Commissariato San Giovanni il pomeriggio subito dopo l’aggressione a seguito della quale la parte lesa finì in ospedale riportando lesioni con una prognosi di 45 giorni (primo referto).

Proprio in considerazione della modalità e della gravità delle lesioni, arrecate anche quando la vittima era finita a terra, nei confronti del 41enne – già gravato da specifici precedenti – è stata disposta la custodia cautelare in carcere, mentre per il fratello, quella degli arresti domiciliari.

L’esecuzione delle ordinanze è stata eseguita dagli uomini di “San Giovanni” e da quelli della Squadra Mobile di Firenze.

 

No comments