Alt, favorisca i documenti: su 120 persone fermate un terzo aveva precedenti

0

AREZZO – Serrati controlli nelle ultime 48 ore nel territorio aretino:  nel pomeriggio e nelle ore serali la  Questura ha organizzato specifici e mirati servizi  di controllo del territorio, dedicati alla prevenzione dei furti in abitazione e alla tutela degli esercizi commerciali.

Le  pattuglie della sezione Volanti della Questura di Arezzo e del Reparto Prevenzione Crimine Toscana della Polizia di Stato sono stati  dislocati in centro e nelle strade di periferia. Nel centro cittadino l’attività di controllo del territorio è stata indirizzata alla tutela degli esercizi commerciali , sia durante la fase di apertura al pubblico che in  quella della chiusura serale.

In periferia , in particolare nelle zone interessate dalla strada statale Umbro Casentinese e all’abitato attraversato dalla strada regionale 69, l’attività di pattugliamento costante è stata accompagnata da mirati posti di controllo su veicoli e persone sospette.

Complessivamente, sono state identificate 120 persone – di cui un terzo risultava annoverare pregiudizi di polizia – e controllati 80 veicoli.

Denunciate a piede libero due persone, di cui un minorenne, per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti.

Durante il pattugliamento pomeridiano, effettuato da un equipaggio della sez. Volanti, all’interno del Parco del parco del Pionta,  gli agenti hanno controllato un gruppo di giovani, due dei quali trovati in possesso di stupefacenti. In particolare, V.G., aretino del 1998 e A.s., napoletano del 1993, con a carico diversi pregiudizi di polizia, sono stati trovati in possesso di cannabis indica. A completamento dell’attività, all’interno dell’abitazione del maggiorenne gli agenti hanno rinvenuto un bilancino di precisione.

Infine, denunciata una donna, B.R. italiana, del 1961,per un furto in un centro commerciale di piazza San Jacopo: la taccheggiatrice aveva provato ad asportare  vestiario per un importo di poco più di cento euro ed è stata sorpresa da un addetto alla sicurezza dell’esercizio commerciale. Sul posto l’equipaggio della sez. Volanti, che ha tradotto la donna in ufficio per deferirla all’autorità giudiziaria.

No comments

*