Approfittando della loro distrazione ruba portafogli, calcolatrice e I-Phone ad adolescenti

0

PRATO – Gli equipaggi della Polizia di Stato sono intervenuti in viale Borgovalsugana, dove si segnalava la presenza in strada di un nordafricano sospetto che pericolosamente impugnava un cacciavite. Rapidamente in zona alcuni equipaggi, in base alla descrizione acquisita si riusciva a rintracciare lo straniero all’intersezione con via della Rondine, dove lo straniero è stato fermato e identificato per un trentaquattrenne marocchino clandestino sul T.N. e con svariati precedenti per spaccio di stupefacenti nonché per reati contro il patrimonio, in relazione ai quali aveva già scontato una pena detentiva per furto aggravato, quindi di recente scarcerato, il 30 settembre 2014. L’accurato controllo effettuato sulla sua persona non permetteva di rinvenire il cacciavite, del quale evidentemente si era nel frattempo disfatto, trovandolo però gli Operatori della Polizia di Stato in possesso di un I-Phone, di una calcolatrice elettronica e di un portafogli rosso da donna, quest’ultimo risultato contenere anche i documenti di una sedicenne pratese, cosa che faceva ipotizzare essere stato a questa rubato poco prima. Gli Agenti, notata la presenza nei non distanti giardini pubblici di via Borgovalsugana di un gruppetto di adolescenti, li avvicinava e interrogava in merito a se avessero con sé tutti i propri effetti personali, con una ragazza, che risulterà essere proprio la predette sedicenne pratese, la quale si avvedeva che ignoti avevano asportato dal suo giubbotto poco prima appoggiato a una panchina il portafogli rosso, mentre l’I-Phone e la calcolatrice risulteranno di proprietà di altri due coetanei della stessa comitiva. Evidentemente il trentaquattrenne pregiudicato marocchino, approfittando di un momento di distrazione dei ragazzi, era riuscito ad impossessarsi degli oggetti in parola, allontanandosi lungo viale Borgovalsugana, ma venendo notato poco dopo da passanti che richiedevano l’intervento delle Volanti. Condotto in Questura, si provvedeva ai dovuti accertamenti di specie, al termine dei quali il pregiudicato è stato denunciato in stato di libertà per il reato di furto con destrezza aggravato, mentre il portafogli, la calcolatrice e l’I-Phone sono stati restituiti ai minorenni, nel frattempo portatisi unitamente ai proprio genitori in Questura per formalizzare denuncia sull’accaduto.

Poco dopo il personale della Polizia di Stato veniva inviato in via Roma, zona Cafaggio, per segnalazione di rapina in danno di una farmacia comunale, commessa da un uomo, verosimilmente italiano che, armato di coltello, nonostante la compresenza di alcuni clienti, minacciando i dipendenti della farmacia si era fatto consegnare denaro contante per circa 150 euro, dandosi poi alla fuga all’esterno, facendo perdere le proprie tracce, mentre gli Agenti delle Volanti intervenute, al loro arrivo, acquisivano una sommaria descrizione del rapinatore, in base alla quale è stata effettuata un’immediata vasta battuta di ricerca in zona, con esito però negativo. Indagini in corso.

No comments

*