Assi viari, Menesini sull’audizione a Roma

0

LUCCA – Un progetto – quello del sistema tangenziale intorno alla città di Lucca – che dovrà essere realizzato nella sua interezza per non appesantire ulteriormente i volumi di traffico sulla Piana di Lucca e non rischiare di delocalizzare i transiti; un’accortezza particolare sotto il profilo del rispetto e della mitigazione ambientale dell’opera integrata sul territorio; e il recepimento delle prescrizioni al progetto Anas emerse durante l’Inchiesta Pubblica sugli assi viari promossa dall’amministrazione provinciale poco più di un anno fa, nonché delle indicazioni in ambito di Valutazione di impatto ambientale. Sono questi, in sostanza, i temi ribaditi dal presidente della Provincia Luca Menesini nel corso dell’audizione svoltasi oggi (venerdì 18), a Roma, nella sede del Consiglio superiore del lavori pubblici che aveva convocato anche i sindaci della Piana di Lucca e gli amministratori della Regione Toscana per l’analisi, appunto, del progetto preliminare sul sistema tangenziale di Lucca redatto dall’Anas. L’incontro a Roma, quindi, segna una tappa interlocutoria del percorso verso la realizzazione degli assi viari della Piana di Lucca visto che i rappresentanti del Consiglio superiore dei lavori pubblici hanno annunciato una nuova seduta di audizione per il mese di gennaio. L’auspicio del presidente Menesini – il quale porterà i temi da lui sottolineati all’attenzione degli opportuni tavoli quando si aprirà la fase di revisione della progettazione tra preliminare e definitiva – è che si favorisca, anche dopo l’Inchiesta Pubblica, la partecipazione da parte dei cittadini nelle fasi successive che devono vedere anche un fronte compatto degli enti locali nell’interesse della cittadinanza e dei territori coinvolti.

Gli enti locali della piana lucchese coinvolti nel progetto dei nuovi assi viari sono stati chiamati ad esprimersi sul progetto al Consiglio superiore dei lavori pubblici. E lo hanno fatto secondo una linea condivisa e una strategia comune, condividendo un progetto di sviluppo infrastrutturale che il territorio attende da tempo. Il massimo organo dello Stato in materia di lavori pubblici dovrà dare il via libera alla delibera del Cipe (Comitato Inteministeriale per la Programmazione economica) per il finanziamento dell’intervento. “Quello di oggi è stato un passaggio importante e molto atteso, nel quale la Regione Toscana, la Provincia di Lucca e tutte le amministrazioni della Piana si sono epresse a sostegno del progetto, secondo una linea comune e una strategia condivisa. Dai riscontri avuti sulla seduta, sono soddisfatto del clima di condivisione sul progetto”  – ha dichiarato Stefano Baccelli (Pd), presidente commissione infrastrutture, territorio, mobilità e ambiente della Regione Toscana ed ex-presidente della Provincia di Lucca – “Anche nel corso del recente incontro che ho organizzato poche settimane fa coinvolgento tutti i livelli istituzionali, infatti, avevamo sottolineato come i nuovi assi viari della piana siano un progetto di vitale importanza per lo sviluppo infrastrutturale della nostra area, che non può più essere procrastinato. Per questo, le aspettative sulla decisione del Consiglio superiore per i lavori pubblici, sono positive. E’ necessario che partano i lavori per la realizzazione del primo lotto Nord-Sud, primo tassello dell’intero progetto, che dovrà essere realizzato, e soprattutto realizzato bene, in coerenza con le specificità ambientali e paesaggistiche del territorio. Sotto questo aspetto il lavoro di Anas, nel confronto con la Regione e gli enti locali per il passaggio alla fase definitiva del progetto, sarà determinate per apportare i migioramenti necessari dal punto di vista della massima compatibilità ambientale” – ha concluso Baccelli (Pd).

 

No comments

*