Bruciavano rifiuti, beccati sul fatto e denunciati

0

REGGELLO – Il personale della Stazione Carabinieri Forestale di Reggello, a seguito di attività delegata dalla Procura della Repubblica di Firenze, giungeva unitamente a personale della locale stazione Carabinieri, in località San Siro del Comune di Reggello, verificando la presenza di fumo all’interno di un terreno: i militari riscontravano che era in corso un abbruciamento di un cumulo di rifiuti. Facevano dunque intervenire una squadra dei vigili del fuoco per lo spegnimento. Visto lo stato dei luoghi e accertato inoltre che il fenomeno di abbandono e abbruciamento si ripeteva nel tempo, la p.g. operante riteneva di procedere al sequestro preventivo e probatorio dell’intero terreno con tutto il materiale ed i mezzi presenti: il terreno era adibito a rimessaggio di materiale, mezzi e attrezzi edile riconducibili ad una ditta che effettuava una gestione illecita di rifiuti speciali pericolosi e non pericolosi, non risultando iscritta all’albo nazionale gestori ambientali. Si configurava dunque il reato di cui all’art. 256 comma 1 lett. a e b) del TUA D.Lgs. 152/2006 (Attività di gestione illecita di rifiuti speciali pericolosi e non pericolosi), a carico di tre persone. Sul terreno inoltre vi sono strutture che potrebbero essere oggetto di violazione alle norme del DPR 380/2001 (T.U. in materia edilizia) in quanto il terreno è considerato a destinazione “agricola” dagli strumenti urbanistici comunali. E’ in corso attività di accertamento circa la dubbia provenienza di una notevole quantità di materiali e attrezzi per lavori edili e agricoli rinvenuti all’interno dell’area.

 

 

No comments

*