Cadavere decomposto, macabra scoperta in un fosso

0

NOZZANO – Letizia Tassinari – Riverso a terra, a pancia all’in giù. E in avanzato stato di decomposizione. La macabra scoperta del cadavere di un uomo è stata fatta da un volontario della Croce Verde, che si trovava nei campi con il proprio cane, e immediato è scattato l’allarme, con sul posto Vigili del Fuoco, Carabinieri e Polizia.

noname( Foto di Enrico Pace )

Il corpo dell’uomo era in un fosso.

L’ipotesi che si trattasse di Umberto Onesti, l’81enne scomparso dalla struttura sanitaria pochi giorni fa, le cui ricerche non si erano mai interrotte, è stata confermata poco dopo. L’anziano era scomparso qualche giorno fa. La telefonata alla sala operativa della Questura di Lucca era arrivata alle 20.40 del 4 agosto scorso. Sulla linea del 113 una chiamata da parte di una struttura sanitaria dell’ Oltreserchio, dove era ricoverato l’81enne lucchese che aveva problemi di orientamento. L’ uomo, che in precedenza non aveva mai tenuto condotte del genere, si era allontanato dalla struttura, che peraltro è aperta e dunque i ricoverati non sono “sotto chiave”, poco prima senza dirlo a nessuno. L’ uomo aveva solo un nipote, che era stato avvisato per il tramite dell’ amministratore di sostegno e due  pattuglie della Polizia avevano avviato subito le ricerche, sia all’ interno della struttura che nelle immediate pertinenze, con esito negativo. Ricerche che erano state condotte anche nella boscaglia circostante e sulla via Sarzanese, sia in direzione del monte Quiesa  che verso S. Anna, con esito negativo, così coem negative erano state le ricerche presso gli ospedali della provincia e di Pescia. Fino a oggi, quando, purtroppo, Umberto Onesti è stato ritrovato morto.

 

 

No comments

*