Capar, è il colonnello Alessandro Borghesi il nuovo comandante

PISA – Si è svolta questa mattina nella piazza d’Armi della caserma Gamerra di Pisa la cerimonia di cambio di guardia del comandante del Capar, centro addestramento paracadutisti della Folgore, alla presenza delle massime autorità militari e civili della provincia.

Al  Colonnello Franco Merlino è succeduto il Colonnello Alessandro Borghesi

Dopo due anni di intensa attività addestrativa e operativa in prima persona al fianco dei paracadutisti del CAPAR, il Colonnello Merlino è stato chiamato a ricoprire un prestigioso incarico presso la Scuola di Fanteria dell’Esercito Italiano di Cesano. Sotto il Comando del Colonnello Merlino è stata ampliata l’offerta formativa del Centro che adesso spazia dalle più tradizionali attività aviolancistiche dell’Esercito ai corsi di addestramento terrestre, conoscenze volte a rendere completa e competitiva la formazione dei giovani militari che aspirano a prestare servizio nelle truppe paracadutiste dell’Esercito Italiano all’interno della Brigata “Folgore”. Nel periodo di Comando del Colonnello Merlino sono stati centrati importanti obiettivi formativi anche a favore del personale di eserciti stranieri e delle Forze di Polizia nazional. Il Capar, grazie al sostegno del Colonnello Merlino, è diventato un centro di formazione internazionale d’eccellenza dove i militari degli eserciti esteri possono conseguire l’abilitazione nell’aviorifornimento di carichi leggeri, medi e pesanti.

Il Colonnello Alessandro Borghesi, nuovo Comandante del Capar, è nato a Livorno il 5 Novembre 1964. Ha frequentato l’Accademia Militare di Modena dal 1985 al 1987 e successivamente dopo aver frequentato la Scuola d’Applicazione di Torino è stato promosso al grado di Tenente a settembre 1987. Ha comandato il 2° Battaglione Tarquinia nel 2002 e dal 2014 è stato al Comando dell’Ufficio Studi Esperienze della Brigata “Folgore”. Il Colonnello Borghesi è laureato in Scienze Strategiche, ha partecipato alle missioni in Bosnia, Albania, Somalia, Kosovo, Libano e in Afghanistan. E’ decorato della Medaglia d’argento Slovena e Francese e della Croce di Bronzo al merito dell’Esercito, oltre a tutte le medaglie commemorative previste per le varie Missioni e di anzianità di Comando

Lascia un commento