I Carabinieri Forestali sequestrano un manufatto in area vincolata

0

VAGLIA  – Nel corso di un servizio di controllo del territorio svolto nella località di Caselline nel Comune di Vaglia, una pattuglia della Stazione Carabinieri Forestale di Ceppeto, notava che a margine di un terreno agricolo in prossimità dell’alveo di un corso d’acqua erano stati eseguiti dei movimenti di terreno nonché costruito un manufatto. Portatisi sul posto per verificare la liceità dei lavori, accertavano che era in corso di realizzazione un manufatto costituito da travi in legno e tamponature laterali sempre in legno, con copertura sempre in travi di legno coibentato con guaina catramata e perlinato. Lo stesso risultava realizzato su una platea in cemento, munito di impianto elettrico. Un vano del manufatto risultava essere stato adibito a piccolo ricovero con presenza di lavandino, stufa a gas e piccola mobilia. Le dimensioni sono state rilevate in mt. 11,50 x 3,80 per un’altezza di mt. 2,20. Gli accertamenti svolti portavano all’individuazione della proprietà nonché dell’esecutore materiale il quale convocato sul posto asseriva di non essere in possesso dei dovuti atti abilitativi alla realizzazione del manufatto, che si trova in zona sottoposta a vincolo paesaggistico e idrogeologico oltre che in prossimità di un corso d’acqua vincolato (torrente Calicarza). La P.G., considerato che il manufatto non era ultimato e che sul posto erano presenti materiali e attrezzature atte a tale scopo, eseguiva il sequestro preventivo dell’opera. Saranno necessari altri sopralluoghi per ulteriori rilievi e calcolo delle relative sanzioni amministrative previste per il cambio di destinazione d’uso del suolo. Il responsabile è stato segnalato all’A.G. per violazione delle normative edilizie e ambientali ai sensi del DPR 380 /01 art. 44 comma 1 lett. c) e art. 181 DLGS 42/04, punibili con l’arresto fino a due anni e l’ammenda da 15.493 a 51.645 euro.

No comments

*