Carceri: Mallegni (FI) sul caso casa circondariale di Prato, Ministro Bonafede intervenga per difendere agenti polizia penitenziaria

“E’ il momento di prendere una posizione decisa a favore di tutti gli agenti della Polizia Penitenziaria che da troppo tempo, oltre a svolgere la loro funzione di vigilanza, sono parte attiva sociale all’interno delle carceri del nostro paese. Ogni giorno rischiano la vita e questo non dobbiamo permetterlo. Il sistema attuale non può più funzionare e per farlo funzionare dobbiamo tutelare i nostri agenti se vogliamo provare a riabilitare chi vuole ancora un futuro nella nostra comunità. Non dobbiamo depenalizzare ma investire per costruire nuovi carceri e ristrutturare quelli esistenti ed avere il coraggio di chiudere quelli fatiscenti. Il Ministro Bonafede è il caso che metta subito mano di concerto con il Ministro delle Infrastrutture iniziative che vadano in questa direzione”: è quanto ha detto Massimo Mallegni, Senatore della Repubblica eletto in Toscana in merito all’ennesimo episodio di violenza perpetrato in danno del personale di Polizia Penitenziaria presso la Casa Circondariale di Prato denunciato dal Sappe.

 

mallegni