Caricato da un cervo e trovato in una pozza di sangue: ferite mortali a testa, torace e arti inferiori

0

SERRAVALLE PISTOIESE –  Incidente mortale nella frazione di Ponte di Serravalle. La vittima, Marco Coppini 68enne del luogo, proprietario del residence “Le coloniche”, è stato caricato da un cervo ed è deceduto per le ferite riportate.
Il fatto è avvenuto all’interno del terreno di pertinenza del residence, in una parte prospiciente al bosco, da cui è separata con una recinzione. Attorno alle 09,00 odierne, l’uomo si sarebbe recato in quell’area per fare la posta ad una volpe che da qualche giorno stava predando le galline allevate all’interno di un pollaio posto all’interno della proprietà stessa.
Ed è proprio il rumore provocato dai colpi sparati dall’uomo con una carabina cal. 22 regolarmente detenuta, che hanno effettivamente colpito ed ucciso una grossa volpe la cui carcassa è stata trovata nell’area, ad avere probabilmente spaventato un grosso giovane cervo che lo avrebbe caricato all’improvviso provocandogli con le corna ferite agli arti inferiori, al torace e alla testa. L’ungulato, da una prima ricostruzione dei fatti, benché vivesse allo stato brado si avvicinava spesso alla proprietà perchè sin da cucciolo sarebbe stato nutrito dalla famiglia della vittima e si trovava all’interno della recinzione, perché probabilmente in cerca di cibo.
I familiari, allarmati perché la vittima non rispondeva al cellulare e non vedendolo ritornare per pranzo, poco prima delle 13,00 sono andati a cercarlo nella proprietà scoprendone il corpo e dando l’allarme. Sul posto si sono recati i Carabinieri della Compagnia di Pistoia coadiuvati per i rilievi tecnici da personale del Nucleo Investigativo del Reparto Operativo e personale del Comando Provinciale della Guardia Forestale. Il PM di turno, dottor Luigi Boccia, ha disposto l’autopsia sul corpo della vittima e il sequestro dell’ungulato, che dopo il tragico incidente è rimasto all’interno della recinzione e sul cui palco di corna sono già stati effettuati prelievi biologici per la comparazione con le ferite riportate dalla vittima.

No comments

*