Cocaina pura, nella rete dei Finanzieri un corriere ovulatore

0

PISA – Nuovo arresto all’aeroporto “G. Galilei”. I Finanzieri del Comando Provinciale di Pisa hanno ammanettato una cittadina di origine ecuadoriana proveniente dalla Spagna, trovata in possesso di 300 grammo circa di cocaina pura.

Ancora una volta a cadere nella fitta rete dei controlli posti in essere dalle Fiamme Gialle nell’area aeroportuale è stato un “corriere ovulatore”.

Il tutto è avvenuto all’interno della sala arrivi internazionali dello scalo ove, nel corso di un’operazione di polizia predisposta per la prevenzione e la repressione del traffico di sostanze stupefacenti e psicotrope, espletato ai sensi dell’art. 103 del DPR 309/90, nell’ambito degli spazi doganali, i militari insospettiti dall’atteggiamento della giovane donna che tradiva inquietudine e nervosismo, non si sono lasciati convincere dalle contraddittorie ed incerte affermazioni rese circa il viaggio appena concluso e la sua permanenza in Italia.

In virtù del contesto quindi delineatosi, non escludendo l’ipotesi che la passeggera potesse occultare sostanze stupefacenti all’interno del proprio corpo, avvisata la Dr.ssa Pagnini – Sostituto Procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Pisa, che assumeva la direzione delle attività, veniva concordato di approfondire i controlli presso la locale struttura ospedaliera, poi rilevatisi negativi. Infatti, prima di essere sottoposta agli esami radiologici, la giovane donna consegnava spontaneamente l’unico ovulo di cocaina, del peso pari a circa 300 grammi, che occultava nelle parti intime. Lo stupefacente, una volta tagliato e confezionato in dosi da spaccio avrebbe fruttato oltre 20.000,00 €.

Questa ulteriore operazione conferma la costante attenzione che il Corpo pone nel contrasto illecito al traffico internazionale di sostanze stupefacenti in transito attraverso l’aeroporto “Galileo Galilei” a non poca distanza da altre analoghe operazioni già eseguite in ambito aeroportuale dalle Fiamme Gialle di Pisa.

No comments

*