Compro oro sotto la lente di ingrandimento della Polizia: 9 su 24 non erano in regola

0

PISA – La Divisione Polizia Amministrativa della Questura di Pisa nei giorni scorsi ha intensificato l’attività di controllo di esercizi pubblici e locali, al fine di prevenire e contrastare fenomeni di illegalità e garantire il rispetto della normativa vigente.

L’attenzione è stata rivolta alle attività sottoposte ad autorizzazione di polizia, con particolare riguardo agli esercizi di Compro Oro, per verificare la regolarità della gestione ed evitare reati quali la ricettazione.

Da alcuni anni, anche nella provincia di Pisa, si è registrata una capillare diffusione sul territorio di questi negozi, spesso di piccola dimensione, che si occupano del ritiro dei gioielli usati dietro pagamento in contanti di somme di denaro, commisurate al peso degli oggetti conferiti dai consumatori e che spesso possono diventare fonte di interesse per la malavita organizzata.

L’attività amministrativa di controllo disposta dal Questore di Pisa, Gianfranco Bernabei, che trae origine da un attento monitoraggio della realtà territoriale di riferimento, è stata rivolta alla verifica dell’osservanza delle norme vigenti in materia di commercio di oggetti preziosi.

Nel corso delle verifiche, dirette dal Dirigente della Divisione Polizia Amministrativa, Sociale e dell’Immigrazione, Allegra Santi, effettuate nella città di Pisa e nel territorio dell’intera provincia, si è accertato che su 24 attività controllate, 9 non risultavano in regola con la normativa vigente in materia, per l’inosservanza delle prescrizioni particolari imposte dall’Autorità di Pubblica Sicurezza, ai sensi dell’articolo 9 del Testo Unico Leggi Pubblica Sicurezza, con relativa segnalazione alla locale Autorità Giudiziaria.

L’attività di controllo proseguirà nei confronti degli esercizi commerciali per garantire rispetto delle disposizioni di legge e tutelare l’incolumità dei cittadini.

 

No comments

* VERIFICA SCRIVI I CARATTERI CHE VEDI NELL'IMMAGINE SOPRA