Controlli a tappeto della Polstrada nel fine settimana: arrestate 5 persone, ritirati 42 documenti e sottratti 731 punti

TOSCANA – E’ di 456 veicoli controllati e 588 persone identificate il bilancio dell’operazione svolta lo scorso fine settimana dalla Polizia Stradale in Toscana sulle principali arterie della regione. Il dispositivo è stato attuato su input della Direzione Centrale delle Specialità della Polizia di Stato, al fine di prevenire gli incidenti causati da condotte di guida distratte, nonché neutralizzare quelle persone che utilizzano le strade solo per realizzare la loro losche attività.

Nel dispositivo a reticolo, dove nulla è lasciato al caso poiché la centrale operativa movimenta gli equipaggi sulla base delle necessità del momento, sono state impiegate 236 pattuglie, che hanno arrestato 5 persone tra spacciatori, ladri e truffatori, ritirato 42 tra libretti e patenti, defalcando 731 punti. Le multe contestate sono state 565, mentre gli interventi di soccorso 170.

Sabato sera, due pattuglie della Sottosezione di Battifolle stavano monitorando i veicoli in transito sull’A/1, tra Arezzo e Monte San Savino. I poliziotti hanno notato due uomini dall’aspetto poco rassicurante su di una LANCIA Y con targa PROVA, diretta verso sud. Li hanno fermati più avanti presso l’area di servizio di Badia al Pino, accertando che erano di origine slava, di 25 e 30 anni, già autori di reati violenti e predatori. Non avendo fornito risposte convincenti, gli investigatori li hanno perquisiti e scoperto che erano stati al Casinò di Venezia, dopo aver pernottato tra Treviso e Rovigo. Inoltre, tra la tappezzeria e il tetto dell’auto sono spuntate 60 banconote da 50 euro, ben contraffatte e con differenti numeri seriali. Altri 4 pezzi erano nel portafoglio di uno dei due. La Polstrada li ha arrestati per detenzione di 3.200 euro falsi e sequestrato l’auto.

Venerdì scorso, sempre sull’A/1 ma questa volta nella direzione opposta, un equipaggio della Sottosezione di Firenze Nord ha intercettato una PANDA con un uomo al volante, segnalato per la condotta di guida anomala. Una volta giunto l’allarme, i poliziotti hanno fermato l’uomo, un marocchino di 49 anni, vicino al casello di Scandicci, notandolo nervoso, sudato e con le mani tremanti. Hanno controllato meglio l’auto, scoprendo nel vano motore una borsa con quasi 13 chili di hashish contenuti in più buste, dalla cui vendita lo spacciatore avrebbe potuto ricavare oltre 60.000 euro. Lo straniero è stato arrestato, mentre la droga e il veicolo sono stati sequestrati.

Domenica scorsa, all’ora di pranzo, due pattuglie della Sottosezione di Viareggio hanno arrestato due ladri, di 52 e 57 anni, specializzati nel rubare biciclette da corsa. I malviventi, italiani e residenti a Piacenza, in occasione di gare ciclistiche erano soliti mischiarsi tra gli appassionati per poi recarsi nei parcheggi riservati ai corridori, adocchiare le bici incustodite e portarsele via. Da Camaiore era già partita la Gran Fondo della Versilia e i ladri ne avevano sgraffignate due con telaio in carbonio, dal valore di circa 8.000 euro l’una, caricandole su una PANDA e imboccando l’A/12, con direzione nord. I poliziotti, ricevuto l’allarme, hanno intercettato l’auto all’altezza di Massa, bloccandola dopo aver schivato uno speronamento. I due furfanti sono fuggiti nei campi adiacenti, ma sono stati placcati dagli inseguitori. Durante la cattura due agenti sono rimasti contusi e dimessi, dopo le cure in ospedale, con 15 e 5 giorni di prognosi. I ladri sono stati arrestati e l’auto sequestrata, mentre le bici sono state restituite ai proprietari che, nel lasciare la caserma della Polstrada, si sono complimentati per la velocità dell’operazione.