Controlli e denunce, la domenica del 113

0

PRATO –  Una domenica col 113.

Ieri mattina, alle  12.00 circa, il personale delle Volanti, nel corso di attenta attività di prevenzione e controllo effettuata per il “punto caldo” di via Sant’Antonio, notava un gruppetto di persone in strada, verosimilmente tossicodipendenti, che si intrattenevano in maniera sospetta con un centroafricano il quale, all’avvicinamento della pattuglia della Polizia di Stato, si dava immediatamente alla fuga a bordo di una bicicletta in direzione piazza Mercatale dove, inseguito, è stato successivamente bloccato dagli Operatori, nonostante avesse ripetutamente cercato di colpirli con calci e pugni, fortunatamente senza esito. Condotto inevitabilmente in Questura, è stato compiutamente generalizzato per un ventottenne nigeriano in Italia di fatto senza fissa dimora, ma regolare in Italia, quindi denunciato in stato di libertà per il reato di resistenza a pubblico ufficiale.

Ieri pomeriggio, alle ore 18.00 circa, un equipaggio delle Volanti veniva inviato in via Roma, su richiesta di personale della vigilanza privata di un supermercato che aveva appena fermato un orientale nel suo tentativo di superare la barriera delle casse occultando alcuni articoli non pagati. Sul posto gli Operatori della Polizia di Stato apprendevano che il protagonista della vicenda si era appropriato illecitamente di alcune confezioni di integratori minerali, pari a un valore complessivo di 102,87 euro, poi riconsegnati al supermercato, con il reo che è stato compiutamente identificato dagli Agenti per un trentatreenne cinese, clandestino in Italia e con svariati precedenti per fatti equivalenti, in funzione della sua denuncia in stato di libertà per il reato di furto, al momento della formalizzazione di querela da parte del supermercato.

Nella decorsa notte, alle ore 03.20 circa, un equipaggio delle Volanti, nel corso di attenta attività di prevenzione e controllo effettuata lungo viale L. da Vinci, notava all’altezza della rotatoria con viale della Repubblica una Peugeot che procedeva ad andatura pericolosamente irregolare, mettendo seriamente a repentaglio la sicurezza stradale, provvedendo pertanto a imporne l’alt ed a generalizzare il suo conducente per un quarantaseienne fiorentino, il quale appariva da subito in evidente stato di ubriachezza. Sottoposto a verifiche strumentali all’etilometro, si confermava l’eccessiva assunzione di bevande alcoliche, con valori molto superiori al consentito di legge, cosa che ha determinato la denuncia in stato di libertà del quarantaseienne per il reato di guida in stato d’ebbrezza, con contestuale ritiro immediato della patente.

 

No comments

*