Crocefisso nell’urina, il caso arriva in Parlamento: “Abominevole e offensivo”

1

LUCCA – “Abominevole: la mostra fotografica patrocinata dal ministero dei beni culturali a Lucca rappresenta un’offesa al sentimento religioso degli italiani. Siamo in uno  Stato laico ma il sentimento religioso non può essere oggetto di offesa. Troviamo oscena la fotografia, ma troviamo ancora più oscena la mancanza di sensibilità da parte di chi dovrebbe tutelare la sacralità del sentimento religioso anche quando si esprime nell’arte”.  Dopo la richiesta di Lega Nord di revocare il patrocinio della Regione ( LEGGI ANCHE: “Quell’opera offende la dignità cristiana, la Regione tolga il … ) è di oggi l’interrogazione al ministro dei beni culturali Dario Francheschi quella del capogruppo alla camera dei deputati di Fratelli d’Italia-Alleanza nazionale Fabio Rampelli: “Questo che lo si voglia o no è un paese costituito dalla stragrande maggioranza di cristiani cattolici. Che già subiscono, nel silenzio della comunità  internazionale, le persecuzioni in tutto il mondo, e oggi devono subire anche offese in Patria. Ci auguriamo che il ministro Franceschini voglia ritirare il patrocinio e che l’ ‘opera’ venga ritirata. Da una parte dirigenti scolastici vietano le visite di arte sacra per non irritare gli eventuali musulmani, dall’altra si può offendere l’immagine di Cristo, l’ultimo degli ultimi, immergendolo in liquidi organici”. L’opera in questione è una foto di Andres Serrano, raffigurante un piccolo crocefisso immerso in un bicchiere di vetro contenente l’urina dell’autore.

1 comment

  1. daniele 20 novembre, 2015 at 14:17 Rispondi

    Tutte le religioni del mondo devono ASSOLUTAMENTE essere rispettate. La religione è una dimensione naturale Dell uomo. Si possono chiaramente avere opinioni e culture differenti, ma il rispetto di ciò che gli altri credono, quando non e crimine, è un atto dovuto in quanto esseri umani civilizzati. Sento solo pietà e disgusto per le figure politiche italiane che in nome di un po’ di voti sono disposti a buttare alle ortiche millenni di storia e civiltà. Italiane.

Post a new comment

*