Da Expo a Mose: modello TAV? “Renzi studi meglio il caso Alta Velocità!”

0

 

Perché, mentre si indagano i meccanismi di ribassi nominali e lievitazioni programmate dei costi delle opere aggiudicate per Mose ed Expo a Venezia e a Milano, il premier Renzi continua apparentemente a non considerare le indicazioni nitide e dettagliate che ha fornito sugli appalti TAV l’Autorità per la Vigilanza sui Contratti Pubblici?”

 

Già a dicembre 2007, analizzando quanto avvenuto sulle tratte AV Roma-Napoli e Firenze-Bologna, sulla scorta anche di esposti di Idra l’Autorità aveva messo il dito sulla piaga dell’architettura contrattuale, del modello finanziario e del conseguente depotenziamento dei controlli – attraverso la figura del cosiddetto contraente generale – che permettono di dilapidare senza costrutto ingenti risorse pubbliche. Nella sua “Indagine relativa agli interventi gestiti da TAV S.p.A.”, l’Autorità per la Vigilanza sui Contratti Pubblici attestava che questi risultano caratterizzati da “gravi infrazioni ai principi della libera concorrenza e della non discriminazione” e che “hanno subìto, in corso di esecuzione, notevoli incrementi di costo e del tempo di realizzazione (…) sia per effetto di un gran numero di perizie di variante, sia per riserve avanzate dal General Contractor”, grazie anche a convenzioni “stipulate senza riferimento ad un’adeguata progettazione”, che “non hanno posto a carico del General Contractor alcun rischio effettivo”, mentre persino “i progetti esecutivi hanno spesso mostrato un livello carente di approfondimento”.

 

La nota stampa porta la firma dei No Tav Firenze: “Cos’altro avrebbe dovuto scrivere, nero su bianco, quell’Autorità, oltre a denunciare (come nella Relazione 2010) “la violazione dei principi di economicità e di efficacia del sistema di realizzazione“ dell’Alta velocità ferroviaria “per i Nodi ferroviari di Firenze e Bologna che hanno registrato rilevantissimi incrementi di costo e dei tempi di realizzazione, nonché iscrizione di riserve da parte delle imprese esecutrici, che hanno dato vita a contenziosi”?

 

Perché il premier Matteo Renzi, che da sindaco di Firenze non sembra aver dato soverchio peso alle relazioni dell’Autorità, nonostante le puntuali segnalazioni di Idra, non suggerisce almeno adesso al suo successore a Palazzo Vecchio, Dario Nardella, di riconsiderare l’intera partita degli appalti TAV affidati a contraente generale, che per il doppio sottoattraversamento AV di Firenze e la stazione ‘subacquea’ Foster fanno riferimento peraltro a società indagate da un’inchiesta giudiziaria monumentale e interessate da pesanti difficoltà finanziarie?

 

Firenze non può continuare a languire sotto la minaccia di una mannaia che dal lontano 3 marzo 1999 (data di approvazione del progetto di sottoattraversamento) incombe sulla sua vivibilità e sulla sua economia. Sono in gioco miliardi di denaro pubblico! Renzi farebbe bene a ‘prendere a calci’ un modello dissipativo, come quello del cosiddetto contraente generale, in auge un po’ dappertutto in Italia, e soprattutto laddove ancora si progetta TAV: in Val di Susa, fra Genova, Milano e Trieste, fra Verona e il Brennero!”

 

No comments

*