Dentro al barattolo? Eroina. La Gdf lo becca mentre lo sotterra in un parco

0

LIVORNO – L’arresto è avvenuto nei pressi del centralissimo parcheggio Odeon di Livorno, per mano di una pattuglia del Nucleo di Polizia Tributaria della Guardia di Finanza che ha fermato Lammouchi Lotfi, cittadino tunisino senza fissa dimora, con l’accusa di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. L’uomo è stato controllato a seguito di una segnalazione effettuata da una guardia giurata in servizio nella zona la quale, notando movimenti sospetti, contattava telefonicamente i finanzieri. Intervenuti sul posto, con la collaborazione della stessa guardia giurata, i militari individuavano il cittadino tunisino che, all’interno del giardino “Parco Centro Città”, aveva appena seppellito, con l’intento di occultarlo, un barattolo di vetro con dentro 34 grammi di eroina. La successiva perquisizione personale portava al rinvenimento di 1.075 euro in banconote di piccolo taglio, somma sottoposta a sequestro in quanto ritenuta provento dell’illecita attività di spaccio poiché l’arrestato è risultato non esercitare alcuna prestazione lavorativa.

L’arrestato è stato processato per direttissima e sottoposto alla misura cautelare del divieto di dimora nel Comune di Livorno. Sul conto del Lammouchi, che nel passato aveva spesso fornito diverse generalità, sono emersi numerosi precedenti penali specifici in materia di sostanze stupefacenti. Lo stesso è inoltre risultato aver scontato diversi anni di carcere per tentato omicidio doloso ed è stato scarcerato il 15 gennaio 2013 dal Carcere di Porto Azzurro. L’eroina sottoposta a sequestro, analogamente ai 260 grammi sequestrati dalle Fiamme Gialle nei confronti di altri due cittadini tunisini, entrambi tratti in arresto nella serata del 22 agosto scorso a seguito di una segnalazione al “117”, era destinata ad essere spacciata nel centro cittadino ed avrebbe fruttato circa 2.000 euro.

No comments

*