Desco, sapori e saperi lucchesi: sabato 18 novembre al via l’edizione 2017

0

LUCCA – Si alzerà sabato (18 novembre) il sipario sull’edizione 2017 del Desco, Sapori e saperi lucchesi, manifestazione dedicata alle eccellenze enogastronomiche della provincia che, anche quest’anno, si svolgerà nei locali del Real Collegio per quattro week end fino a domenica (10 dicembre). 50 gli espositori in tutto, due in più rispetto alla scorsa edizione, con la novità assoluta di 8 espositori provenienti da fuori provincia.
Molte le novità che in programma per questa tredicesima edizione. Ogni fine settimana avrà un tema diverso legato alle varie portate della tradizione lucchese: si inizia con gli antipasti dedicati a salumi e formaggi nel primo week end con l’appuntamento Chi ben comincia è a metà dell’opera; si prosegue con i primi piatti a base di paste e zuppe con Se un’è zuppa è pan bagnato; terzo appuntamento dedicato ai secondi piatti con particolare attenzione al pesce, un’altra novità di questa edizione, con Loda il mare e tieniti alla terra; conclusione con un appuntamento dedicato alle carni e ai dolci dal titolo A tavola non s’invecchia.

Molto ricca anche l’offerta di laboratori e degustazioni sia di vini che di prodotti tipici: ci sarà un laboratorio dedicato all’evoluzione del gusto a cura di Darwine & food; un laboratorio per bambini a cura di Ecoland dedicato, in particolare, alla salvaguardia dell’ambiente marino; ci saranno inoltre diversi show cooking e una gara di giovani chef curata anche in questo caso da Darwine & food; degustazioni di vini guidate organizzate dall’Associazione italiana sommelier e mini corsi di avvicinamento al vino organizzati dalla Federazione italiana albergatori e ristoratori; infine, tutte le domeniche, dalle 18 alle 19, sono previste dimostrazioni e degustazioni di cocktail creati con prodotti del territorio in collaborazione con Shaker Club.

0001Un’altra novità riguarda l’introduzione di un biglietto di ingresso del costo di tre euro per accedere alla manifestazione. Una novità resasi necessaria, afferma il presidente della Camera di Commercio di Lucca Giorgio Bartoli, per garantire uno standard qualitativo alto, sia per espositori che per i visitatori, nonostante i tagli al budget subiti dall’ente camerale: “Siamo molto orgogliosi di questa manifestazione che è un po’ una nostra creatura – commenta Bartoli -. Una manifestazione che ogni anno si ingrandisce e che abbraccia l’enogastronomia di tutta la nostra provincia, dall’alta valle del Serchio alla Versilia. Si tratta di un appuntamento anche formativo dove si possono fare esperienze diverse e scambiare idee. L’edizione di quest’anno sarà arricchita anche da espositori provenienti da altre province, con l’obiettivo non solo di allargare l’offerta ma anche di aumentare la possibilità di scambio e di incontro con tradizioni diverse. L’introduzione del biglietto di 3 euro si è resa necessaria a fronte della riduzione del budget che avevamo a disposizione. Abbiamo scelto questa soluzione per permettere alla manifestazione di continuare a svilupparsi e crescere ancora. Il Desco ormai, ogni anno raggiunge le 50.000 visite e rappresenta un impegno importante per la Camera di Commercio”.
“Posso comunque garantire – prosegue Bartoli – che non ci sono fini speculativi: gli introiti derivanti dalla manifestazione saranno interamente reinvestiti nel Desco stesso per permettere alla manifestazione di continuare a crescere. Sempre con questo fine, abbiamo anche lanciato un bando per sponsorizzare la manifestazione ed un paio di accordi li abbiamo già conclusi. Inoltre, all’interno di questo biglietto, sono stati studiati diversi pacchetti in grado di soddisfare le esigenze di tutti”.
“Al di la del valore economico che riveste l’agricoltura – conclude Bartoli – ci sono molti giovani che si stanno riavvicinando a questo settore con un taglio nuovo, puntando sui prodotti di eccellenza, sul prodotto biologico e a chilometro zero. Una tendenza da non sottovalutare. Manifestazioni come questa possono rappresentare un trampolino di lancio per questi ragazzi”.
Entusiastico il commento del sindaco Alessandro Tambellini: “Il Desco di quest’anno abbraccia tutta la nostra produzione locale. Si passa dai salumi alle farine alla pasta alla carne e ai dolci. Nel calendario degli eventi questa è proprio una manifestazione che non vorrei perdere perché è il territorio che si mette in mostra. L’enogastronomia è un settore di punta per le esportazioni tant’è che, in questo specifico settore, la bilancia dei pagamenti è in positivo. Mi complimento con il territorio inoltre perchè da un’agricoltura di tipo industriale si sta recuperando un rapporto diverso con l’ambiente. Stiamo recuperando alcune importanti produzioni del passato, penso ai legumi, perchè sono oggettivamente produzioni di altissima qualità. Inoltre, l’agricoltura ha una valenza anche per il presidio del territorio. È una catena che si compone di tanti anelli, uno funzionale all’altro”.
“Spero che, nonostante le difficoltà economiche, la manifestazione abbia successo – conclude il sindaco – perchè è un momento in cui puntiamo sulla qualità del nostro territorio e dobbiamo puntare a migliorare sempre di più”.
Il biglietto d’ingresso alla manifestazione sarà valido per l’intera giornata e darà diritto agli assaggi e alla partecipazione ai laboratori, agli show-cooking e agli eventi. Ingresso ridotto a 2 euro per gli over 65 e gli under 18, per i gruppi compresi tra le 10 e le 25 persone e per le famiglie composte da due adulti e un minore. L’ingresso sarà gratuito per gli under 12, per i disabili e i loro accompagnatori e per le guide turistiche. Ci sarà inoltre la possibilità di acquistare carnet da 8 euro per 4 ingressi o da 15 euro per tutta la manifestazione. Dalle 19 alle 20 infine l’ingresso sarà gratuito.
Per informazioni e prenotazioni, che dovranno obbligatoriamente avvenire online durante la settimana relativa all’evento di interesse, è possibile visitare il sito www.ildesco.eu la paginaFacebook o inviare una mail a info@lu.camcom.it

descolucca

No comments

*