Ennesima denuncia del candidato a Sindaco Marco Santi Guerrieri:”Discarica con amianto in Corte Pierini a Saltocchio”

0

LUCCA – A Saltocchio  lungo l’argine del fiume Serchio in una bella corte rurale lungo la quale scorre la pista ciclabile di Ponte a Moriano , possiamo trovare l’ennesima discarica nel cuore di uno dei più bei quartieri periferici del comune di Lucca. Parliamo di Corte Pierini nella quale otto famiglie pronte a dare guerra al comune di Lucca, nel bel mezzo della corte una discarica a cielo aperto e un mare di eternit.

Cosi’ Marco Santi Guerrieri candidato a Sindaco di Lucca con la Lista Civica Noi per Lucca , attacca e porta alle cronache  la voce dei cittadini di Saltocchio . “Qui in corte Pierini una decina di famiglie hanno deciso di far voce grossa verso l’amministrazione Tambellini che a quanto pare come  in questo caso usa i classici due persi e due misure. Infatti dopo l’ ordinanza  della polizia Municipale di qualche tempo fa giunta gli abitanti della corte relativamente l’obbligatorietà di bonificare le  coperture in eternit di alcuni immobili esterni alla corte fortemente danneggiate da eventi atmosferici di grave intensità , una famiglia della corte  pur essendo stata anche successivamente raggiunta da un ulteriore sollecito, non ha minimamente preso in condizione la cosa,sembra godere di una sorta di immunita’ . ”

“Voglio ricordare  che rispettare le norme e’ un segno importante di civiltà , ricucire la salubrità ambientale  con il buonsenso e piacere di vivere in un ambiente incontaminato come in quello di corte Picchi a pochi metri dagli argini del fiume Serchio e’ godimento per l’intera collettivita’.

Purtroppo nonostante le ordinanze del sindaco siano state rese esecutive , neppure l’intervento dei vigili e’ riuscito a ricondurre alla ragione una famiglia della corte che continua imperterrito a fregarsene dell’arredo urbano , lasciando li incustodita una vecchia costruzione di blocchetti con una copertura fatiscente in amianto con sotto oltre a serpenti , topi e pantegane un infinita’ di materiali li a decomporsi da anni.

Santi Guerrieri mette in dito nella piaga, lamentando che alcuni dirigenti del Comune  di Lucca sollecitati dalle insistenze dei residentii, effettuarono un frettoloso sopralluogo . Infatti in quell’occasione pur rassicuranto i presenti che si sarebbero interessati alla problematica cercarono comunque con ogni mezzo di sminuire la questione facendo leva sul fatto che l’inquinamento da eternit non e’ normato  da specifiche leggi nazionali e tanto meno locali .

Ovviamente trascorso oltre un anno dal sopralluogo nonostante le rassicurazioni nessuno si e’ fatto piu sentire.

Sono basito tuona Guerrieri , ” vorrei ricordare ai dirigenti che, l’abbandono di qualsivoglia materiale , discariche non autorizzate e peggio in luogo abitato, l’abbandono incustodito di amianti e il non ripristino a seguito di un ordinanza del comune dello stato dei luoghi  e’ sanzionabile con precise norme del Codice Civile e Penale.”

Ma torniamo al problema: Il manufatto è quasi completamente imploso in se stesso e la staticità e’ precaria ed estremamente pericolosa soprattutto per i bambini che giocano in corte. Fra le foto una chicca , un ombrellone che funge da trave di sostegno al tetto di eternit sovrastante, un tocco di tragicomico  da parte di chi piu’ volte  invitato a risolvere il problema .

Il candidato a Sindaco  di ” Noi per Lucca” Marco Santi Guerrieri a questo punto  rincara la dose e  va giu’ duro . ” La comunicazione del disagio e’ stata protocollata non solo all’ufficio ambiente del comune di Lucca  ma anche inoltrata  agli organi di polizia giudiziaria che dovrebbero in questi casi agire immediatamente d’ufficio in ordine al reato dell’articolo 256/c2 DLGS 152/2006 e 633 del Codice Penale , per le violazioni per altro gia’ riscontrate in precedenza proprio dagli stessi .

Al di la delle rassicurazioni sono trascorsi alcuni mesi  e  nessuno si e’ fatto piu’ sentire , pertanto ho deciso di incaricare dei professionisti che collaborano con gli ambienti della regione Toscana settore ecologia e territorio per rilevare l’effettivo il grado di inquinamento ed i rischi presenti in Corte Pierini. Rischi non solo causati dalla discarica ma soprattutto dall’amianto le cui fibre allo stato attuale marcite  e  gravemente sfaldate . La risposta dei tecnici  e’ stata lapidaria, ” sporgere immediatamente denuncia alla procura della repubblica” .

Dopo aver ascoltato il parere dei tecnici e invitato pertanto i residenti a redigere un documento da presentare alla Procura della Repubblica di Lucca , Guerrieri conclude l’esposizione dei fatti in maniera altrettanto lapidaria. “Un amministrazione Comunale incapace di far rispettare le norme e neppure le stesse ordinanze ad oggi ampiamente scadute , implicita una pericolosissima debolezza , quella di porre sullo stesso piano il cittadino vessato e il mesotelioma per il quale l’eternit e’ il principale imputato.”

 

No comments

*