Esagitato “neutralizzato” dalla Polizia con lo spray al peperoncino

0

PRATO – Intervento della Polizia in un locale dove un cittadino romeno, 35 anni, iaccusava altri presenti, tra cui in particolare un magrebino, di avergli rubato due cellulari. Dagli accertamenti espletati non emergevano riscontri alle accuse dell’uomo, il quale proseguiva in un escalation di violenza verbale giungendo anche ad inveire contro le forze dell’ordine presenti.

Quindi, non andati a buon fine i tentativi di calmarlo e perdurando il pericoloso stato di agitazione dell’uomo, gli agenti hanno cercato di caricarlo sul mezzo della Polizia per accompagnarlo in Questura. In questo frangente, il fermato ha iniziato a compiere atti di autolesionismo. mettendo a repentaglio la sicurezza degli stessi poliziotti.

Nonostante l’intimazione a cessare dal comportamento, pena l’utilizzo dello strumento di difesa rappresentato dallo “spray al peperoncino” recentemente dato in dotazione alle forze della Polizia di Stato impegnate nella prevenzione al territorio, l’uomo perseverava nell’atteggiamento violento, accennando anche ad un’aggressione versi un operatore e rendendo opportuno l’utilizzo del nuovo strumento di difesa, per la prima volta utilizzato a Prato dalla Polizia di Stato, che in pochi istanti neutralizzava l’aggressore, che si accasciava a terra (il successivo utilizzo della sostanza decontaminante, di fatto acqua corrente, consentiva, una volta messo in sicurezza il soggetto, di far cessare gli effetti di sofferenza provocati dallo spray urticante).

Precedentemente, era stata chiamata un’ambulanza del 118, presentando la fattispecie profili di carattere sanitario, e pertanto l’uomo, una volta ripresosi, veniva trasportato in ospedale, ove veniva denunciato per i reati di resistenza e minaccia a Pubblico Ufficiale.

Lo spray ha funzione di ausilio agli operatori quando si imbattono in situazioni di rischio per l’incolumità propria e degli altri che richiedono l’adozione di misure coercitive finalizzate alla neutralizzazione del potenziale aggressore, limitando ad una fisiologica immobilizzazione i danni collaterali verso il soggetto stesso e garantendo ugualmente l’obiettivo del ritorno alla normalità.

No comments

*

Bancarotta fraudolenta, tre denunce

LIVORNO – Nella giornata di ieri, militari del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Livorno hanno dato esecuzione ad un decreto di sequestro preventivo ...