Estate Sicura 2014, il bilancio della Capitaneria di Porto di Carrara

0

CARRARA – Anche quest’anno, come di consueto la Guardia Costiera è stata impegnata nel corso di tutta la stagione estiva nel pattugliamento dei mari e dei laghi italiani, allo scopo di garantire un più sicuro svolgimento delle attività balneari e del turismo nautico, e intervenendo rapidamente in caso di emergenza o soccorso in mare.
Così, a livello locale, la Capitaneria di Porto di Marina di Carrara, nel corso della campagna “Mare Sicuro 2014”, conclusasi il 7 settembre, ha assicurato una costante vigilanza su tutto il litorale apuano sia da mare che da terra impiegando quotidianamente 2 mezzi navali  e due pattuglie terrestri per una forza complessiva di circa 20 uomini, allo scopo di sorvegliare lo svolgimento delle attività balneari.
Al termine della stagione estiva i dati registrati sono stati: un totale di 1884 controlli effettuati, 7 soccorsi a unità da diporto svolti, traendo in salvo 25 diportisti, due denuncie per reati di abusiva occupazione di demanio marittimo e una 1 per sversamento di idrocarburi in area portuale, 25  verbali amministrativi elevati, di cui 4 in materia di pesca, 3 per violazione dell’Ordinanza di Sicurezza balneare (principalmente per mancanza di dotazioni di primo soccorso ed assenza del servizio di salvataggio), 11 in materia di diporto nautico e  10 per varie fattispecie previste del Codice della Navigazione.
Il personale militare guidato Comandante Domenico Loffredo, ha anche svolto, parallelamente all’attività di vigilanza, un’intensa campagna preventiva e di informazione all’utenza, sia mediante la costituzione di un apposito sportello informativo aperto anche nei giorni festivi presso gli uffici della Capitaneria di Porto, sia garantendo la propria presenza in pubblici momenti di incontro, come la conferenza sulla “Sicurezza in Mare” organizzata nel mese di giugno con la collaborazione della Lega Navale Italiana, o in occasione delle varie manifestazioni di salvamento svolte sulla riviera apuana allo scopo di diffondere la cultura deIla salvaguardia della vita umana in mare.
Il momento “clou” dell’operazione è ovviamente stato raggiunto nella settimana di Ferragosto, in cui la Guardia Costiera di Marina di Carrara ha implementato il proprio assetto di emergenza, allo scopo di meglio rispondere alle esigenze dell’utenza del mare e delle spiagge nel weekend più “caldo” della stagione estiva. In tal senso, l’Autorità Marittima ha dislocato sul tutto il territorio di giurisdizione due pattuglie terrestri e n° 10 unità del proprio personale, mentre a mare ha garantito la vigilanza mediante l’impiego della motovedetta CP 554 e del gommone GC 337. L’assetto rinforzato è stato assicurato anche presso la Sala Operativa della Capitaneria.
Grazie agli sforzi profusi dalla Capitanerie di Porto, le attività diportistico-balneari si sono svolte con regolarità, senza far registrare alcuna criticità, forse anche complici le condizioni meteorologiche non proprio positive che hanno caratterizzato la scorsa estate, scoraggiando l’afflusso dei turisti sulle spiagge.

No comments

*