Evade dal Rems di Volterra, preso dalla Polizia

VOLTERRA – Nella giornata odierna personale del Commissariato di Polizia di Volterra si è reso protagonista per aver rintracciato, in modo tempestivo, Eno Rrucaj cittadino albanese nato il 24.01.1996, allontanatosi dalla Rems della cittadina etrusca. L’episodio si è verificato intorno alle 13.30 quando un vigilante addetto al controllo dei monitor ha notato che il soggetto in questione si apprestava a scavalcare la recinzione della struttura per tentare un’evasione. A questo punto scattava l’allarme e un operatore addetto alla vigilanza riusciva a bloccare l’uomo il quale, però, subito dopo riusciva a divincolarsi spingendo il vigilante e con ciò si indirizzava verso un dirupo al fine di favorire la propria fuga. Immediatamente veniva allertata la Sala Operativa del Commissariato e tre pattuglie venivano indirizzate alla ricerca del fuggitivo. A seguito della notizia veniva attivato il Protocollo di sicurezza e l’operatore di Sala radio, congiuntamente al Dirigente, assumeva il coordinamento delle operazioni. Gli operatori del Commissariato, a seguito di un sopralluogo nelle immediate vicinanze della struttura, potevano appurare la direzione di fuga presa dal Rrucaj . Considerata la gravità della situazione e la morfologia del territorio (aperta campagna e fitta vegetazione) si richiedeva l’ausilio del personale del Reparto Volo di Firenze. Gli equipaggi del Commissariato impegnati nella ricerca del fuggitivo perlustravano la zona di Ulignano, Montebradoni e Prato d’era. Intorno alle 14:30 un equipaggio comunicava alla Sala Operativa di aver individuato il soggetto nella zona denominata Prato d’era. Prontamente il Rrucaj veniva bloccato anche con l’ausilio di un dipendente del Commissariato libero dal servizio il quale, abitando nella zona interessata, venendo a conoscenza dell’episodio si metteva alla ricerca del soggetto. Successivamente il  veniva Rrucaj portato presso gli uffici del Commissariato per l’espletamento dell’attività connessa al rintraccio. Veniva informato il PM di turno il quale disponeva di riaffidare il soggetto alla REMS e di formulare una comunicazione di quanto accaduto alla Procura della Repubblica. Successiavmente, dopo aver sentito personale della struttura, si poteva appurare che il Rrucaj era giunto alla REMS nella giornata del 4 marzo per l’esecuzione della misura di sicurezza detentiva in via provvisoria disposta con ordinanza dal G.I.P. del Tribunale di Prato a seguito della commissione di reati di maltrattementi in famiglia e lesioni personale nei confronti della madre e della sorella. In base all’anamnesi psico-patologica il soggetto all’età di 18 anni realizzava gravi condotte di abuso di alcol e cannabis con ciò comportando un grave peggioramento del quadro psicopatologico. A dicembre 2017 il Rrucaj giungeva in carcere a Prato ma, a seguito delle sue condizioni mentali, veniva dichiarato incompatibile con il regime carcerario e, pertanto, veniva disposta la misura della detenzione presso la REMS.

L’episodio odierno ha messo in mostra le pregovoli capacità professionali del personale del Commissariato di Volterra il quale ha dimostrato una profonda e capillare conoscenza del territorio; inoltre, le operazioni di ricerca si sono svolte in una zona territoriale lontana da centri abitati e, quindi, di non facile accesso. Infine, un plauso particolare al poliziotto, libero dal servizio, che ha contribuito alle ricerche ed alla fase della cattura del soggetto fuggito dalla Rems. Tempestivamente sono giunti i ringraziamenti del Sindaco di Volterra, Marco Buselli, il quale si è complimentato per la tempestività messa in mostra nel rintracciare il soggetto evaso.