Folgore, cambio del Generale Comandante della Brigata

1

PISA – Questa mattina, presso la Caserma “Gamerra” di Pisa, sede del Centro Addestramento e Paracadutismo, alla presenza delle principali autorità civili, militari e religiose della città di Pisa e Livorno si è svolta la cerimonia del cambio alla guida della Brigata FOLGORE, tra il Generale Roberto Vannacci e il Generale Rodolfo Sganga.

Il Generale Vannacci cede l’incarico dopo quasi un anno d’intense attività che hanno visto gli uomini e le donne della Folgore impegnati in importanti attività addestrative nazionali ed internazionali, interventi di pubblica calamità e nei principali teatri operativi, e dopo aver approntato la Grande unità per il prossimo impiego in Libano nell’ambito dell’Operazione Leonte.  Lasciata la Folgore sarà nuovamente impiegato in teatro operativo,   in Iraq,  sia quale Comandante del Contingente Nazionale sia quale Deputy Commander presso il Combined Joint Forces Land Component Command (CJFLCC), struttura della coalizione Internazionale impegnata nella lotta ad ISIS.

Il Generale Rodolfo Sganga è diventato il 32° Comandante delle Brigata Paracadutisti dopo aver ricoperto importanti incarichi di comando all’interno della Grande Unità e dopo aver trascorso gli ultimi tre anni all’estero con l’incarico di Addetto Militare presso l’Ambasciata d’Italia a Washington D.C..

Alla sobria cerimonia ha preso parte il Comandante della Divisione Friuli, Generale di Divisione Carlo Lamanna che nel suo saluto, si è congratulato con il comandante cedente per l’ottimo lavoro svolto e ha sottolineato come la Brigata Paracadutisti sia una risorsa estremamente pregiata per la professionalità, versatilità e dedizione del proprio personale e per l’elevatissima tecnologia dei sistemi d’arma in dotazione.

A conclusione della cerimonia ha avuto luogo il tradizionale lancio dei paracadutisti nel piazzale della caserma, eseguito con la tecnica della caduta libera.

La “Folgore” è l’unica Grande Unità paracadutista dell’Esercito Italiano, composta da personale addestrato e motivato, in grado di operare in ogni possibile scenario. Negli ultimi anni, i paracadutisti hanno partecipato a tutte le operazioni fuori area che hanno visto protagonista l’Esercito Italiano. Inoltre la “Folgore” è stata più volte chiamata ad operare anche in soccorso della popolazione civile colpita da calamità naturali e fornisce un importante contributo alla sicurezza del Paese, partecipando, nelle maggiori città italiane, all’operazione “Strade Sicure”.

Folgorepisa

1 comment

Post a new comment

*