Fratelli d’Italia, Staccioli: i contributi del pacchetto scuola persi nei meandri della burocrazia

0

FIRENZE – “Purtroppo ci troviamo costretti ad intervenire nuovamente sulla questione del pacchetto scuola”

Esordisce così la consigliera di Fratelli d’Italia Marina Staccioli.

Il pacchetto scuola, presente nel Documento annuale di Programmazione anche per il 2015, è il contributo della Regione Toscana finalizzato a sostenere le spese necessarie per la frequenza scolastica, libri, materiale didattico e servizi scolastici e sostituisce le Borse di Studio e i Buoni Libro.

L’aiuto, introdotto a partire dall’anno scolastico 2012/2013, per quanto lodevole, ha sempre registrato ritardi nell’erogazione. Si sono stanziate somme e fatte promesse alle famiglie che però, nel momento del bisogno, non vedono il becco di un quattrino.

“Per questo motivo il gruppo di Fratelli d’Italia, – ci rinfresca la memoria la consigliera Staccioli – a luglio presentò una mozione per impegnare la Regione ad erogare i contributi scolastici entro il primo semestre dell’anno scolastico per il quale si fa richiesta.”

Siamo ormai quasi a novembre, l’anno scolastico 2014/2015 avviato ormai da due mesi e i genitori del Comune di Montignoso ancora non hanno ricevuto i contributi dell’anno scolastico 2013/2014. Impantanati nella solita burocrazia.

“Dispiace doverlo dire, ma sono veramente le solite cose fatte all’italiana, – si lamenta Staccioli – inutile lavarsi la bocca con buoni propositi e poi non mettere il minimo impegno a far sì che le cose funzionino.

I Comuni danno la colpa alle Province, le Province fanno a scarica barile con la Regione.

Sappiamo che già gli uffici regionali preposti mandano le somme stanziate per ogni provincia con tempi biblici. Poi accade anche che, nella medesima Provincia, alcuni Comuni abbiano già accontentato i genitori ed altri non abbiano ancora ricevuto i contributi.

Un esempio è il comune di Montignoso in Provincia di Massa Carrara. La determina della Provincia per la ripartizione delle somme è del 11/09/2014, ma di fatto se un genitore si reca allo sportello del Comune di Montignoso per ritirare il pacchetto scuola a cui ha diritto il figlio, si sente rispondere che i soldi ancora non ci sono.

Lunga la strada che il caro pacchetto scuola deve percorrere da Massa a Montignoso.”

No comments

*