Furti, in manette la strana copppia

0

TOSCANA – Nella tarda serata di lunedì i Carabinieri della Compagnia di Sarzana insieme a quelli della Compagnia di Figline Valdarno, hanno arrestato due pendolari dei furti: Diego Moscatelli, 35enne romano, e Bruno Bianchi, 38enne genovese, entrambi nomadi di etnia “sinti”, domiciliati a Sarzana.
L’attività ha avuto inizio nel corso della serata di lunedì quando varie pattuglie del Norm della Compagnia di Figline Valdarno e della Stazione di Reggello, stavano svolgendo mirati servizi per la prevenzione di furti in Reggello. Al 112 giungeva una segnalazione di una cittadina che segnalava la presenza di un’auto sospetta, ed in particolare di una Volkswagen Polo di colore grigio. Immediatamente i militari si mettevano sulle loro tracce, battendo tutte le zone ed istituendo posti di blocco sulle vie principali. Contestualmente, ritenendo che gli stessi, seppur non residente, potessero essere diretti nello spezzino, allertavano i colleghi di Sarzana, i quali istituivano un posto di blocco nei pressi del locale casello autostradale. Poco dopo, in Sarzana, i Carabinieri riuscivano a bloccare la macchina segnalata. Dopo una attenta perquisizione, rinvenivano, occultati in un doppio fondo del bagagliaio:
– un flessibile con annessa prolunga di m. 5;
– n. 14 dischi abrasivi da taglio per metallo;
– n. 3 radioline ricetrasmittenti dotate auricolari, sintonizzate su frequenze di servizio ff.pp.;
– n. 3 paia di guanti da lavoro in tessuto e gomma;
– n. 2 cacciaviti a taglio, lunghezza rispettivamente cm. 32 e cm. 37;
– due torce portatili a led;
mentre, abilmente occultati nel vano motore, trovavano vari monili in oro. Portati in caserma, si poteva accertare come detta refurtiva fossero stati rubati poco prima da una villetta di Reggello. Grazie al lavoro svolto di concerto tra l’Arma del luogo e quella spezzina, i due uomini, stante la loro chiara commissione del furto nell’abitazione di Reggello, sono stati sottoposti a fermo di indiziato di delitto e associati presso la Casa Circondariale della Spezia.
Le indagini proseguono per appurare se i due abbiano commesso anche altri furti nel Valdarno nei giorni precedenti.

No comments

*