Jazz, classica e concertisti di fama internazionale a Castelnuovo Garfagnana

I più grandi nomi della musica classica insieme alle giovani stelle internazionali si danno appuntamento a Castelnuovo Garfagnana dal 22 giugno all’8 luglio 2018 per l’International Academy of Music Festival.
Una ventina i concerti tenuti da alcuni dei migliori artisti del panorama musicale mondiale, grazie alla manifestazione che dal 2003 porta nella Valle del Serchio alcuni tra i migliori interpreti di musica da camera della scena internazionale, giunta quest’anno alla 16esima edizione.

A presentare i dettagli del programma Andrea Salani in rappresentanza della Fondazione Cassa di Risparmio di Lucca; Andrea Tagliasacchi, sindaco di Castelnuovo Garfagnana; Piero Gaddi, direttore organizzativo del Festival; Pietro Deiana, presidente della Scuola Civica di Castelnuovo e Pierluigi Triti, vicepresidente per la zona Garfagnana della Banca Versilia, Lunigiana e Garfagnana.

L’evento, che beneficia del sostegno economico e istituzionale della Regione Toscana e rientra nel progetto regionale “La Toscana dei Festival”, richiama ogni anno circa 200 musicisti provenienti dai cinque continenti ad animare Castelnuovo e la Valle del Serchio, grazie all’organizzazione della Scuola Civica di Musica di Castelnuovo di Garfagnana.

L’International Academy of Music Festival è uno dei tre festival europei affiliati al celebre Summit Music Festival di New York, evento di riferimento internazionale nel quale musicisti classici e didatti tra i più prestigiosi d’America, d’Europa e non solo, si riuniscono per dare vita a festival estivi in cui trovano spazio sia serie concertistiche dalla superiore qualità artistica, sia corsi di alto perfezionamento musicale. Gli stessi grandi artisti fondatori del Summit Music Festival hanno creato tre manifestazioni gemelle in Europa: a San Pietroburgo in Russia, a Burgos in Spagna e la più importante e la più grande, per numero di artisti e studenti coinvolti, proprio a Castelnuovo di Garfagnana. La particolarità è nei corsi di perfezionamento musicale di assoluto prestigio, tenuti da concertisti e insegnanti di fama mondiale che attraggono in Garfagnana studenti da ogni parte del mondo. Fra questi, ci sono le stelle di domani della musica cameristica che, proprio a Castelnuovo, hanno la possibilità di confrontarsi con grandi concertisti. Ed è proprio da questo momento unico di incontro che nascono esperienze eccezionali e momenti musicali irripetibili messi a disposizione del pubblico.

Il Festival si svolge dal 22 giugno all’8 luglio con un cartellone di numerosi concerti e vede fra i propri sostenitori le massime istituzioni del territorio: Comune di Castelnuovo Garfagnana, Unione dei Comuni della Garfagnana, Regione Toscana e Parco Nazionale dell’Appennino Tosco-Emiliano, Comuni di Borgo a Mozzano, Castiglione di Garfagnana, Gallicano, Pieve Fosciana, San Romano in Garfagnana, Sillano-Giuncugnano, Villa Collemandina. Fondamentale il supporto della Fondazione Cassa di Risparmio di Lucca, del Banco di Credito Cooperativo di Versilia Lunigiana e Garfagnana e di Banca Mediolanum; a fianco del festival anche le aziende Guidi Gino e Idrotherm, nonché la ProLoco di Castelnuovo di Garfagnana, il Centro di cultura e spiritualità Fra Benedetto.

Il programma
Venerdì 22 giugno si ripete la fortunata formula con l’apertura di un’anteprima jazz, alle 21,15 al teatro Alfieri di Castelnuovo Garfagnana, con il duo Fresu-Bonaventura. Un evento speciale realizzato grazie al sostegno di Banca Mediolanum. Un dialogo in musica nel segno degli strumenti ad aria e di un lirismo dagli aromi mediterranei. Protagonisti insieme alle voci corse del coro A Filetta del fortunato progetto “Mistico Mediterraneo” e dell’omonimo disco pubblicato di recente dalla prestigiosa etichetta ECM, Paolo Fresu e Daniele Di Bonaventura si ritrovano qui nella dimensione più ristretta del duo. Attratti dalla musica etnica, classica ed elettronica, i due jazzisti presentano una sorta di estrazione poetica di quel progetto madre che caratterizza ormai da tempo i loro sempre più frequenti incontri, ormai divenuti un progetto originale e autonomo: un duo che li ha portati nella primavera del 2015 a registrare un ulteriore cd con nuovo materiale musicale. Un concerto di grande effetto che vive di poesia, intimismo e di quelle piccole cose capaci di raccontare i colori dell’universo musicale contemporaneo.

Sabato 23 giugno al Palazzo Comunale di Borgo a Mozzano, alle 21,15 in scena il Trio Ludwig con Enrico Bernini, Tommaso Valenti, Francesca Gaddi che eseguiranno musiche di Boccherini, Beethoven, Schubert e Kodaly.
Bernini, dopo il diploma all’Istituto Boccherini, si è perfezionato con grandi musicisti della scena internazionale, come membro del Quartetto di Fiesole ha svolto un’intensa attività concertistica, in Italia e all’estero, in Europa e in America. Membro da decenni di prestigiose orchestre come l’Orchestra Regionale Toscana e la Sinfonica di Sanremo e suona regolarmente col tenore Andrea Bocelli. Valenti collabora con numerose orchestre tra cui l’Orchestra del Festival Pucciniano. Recentemente ha inciso come solista per Tactus il concerto BI 552 per viola e orchestra di Alessandro Rolla. Gaddi è protagonista di una carriera orchestrale di alto livello: dopo l’esperienza nell’Orchestra Giovanile Italiana, è membro effettivo dell’orchestra dell’Accademia della Scala di Milano; collabora poi con alcune delle maggiori istituzioni italiani quali l’Accademia nazionale di S. Cecilia, l’Orchestra Filarmonica Toscanini, Orchestra Filarmonica del Regio di Torino, Camerata Strumentale Città di Prato. Ingresso gratuito.

Giovedì 28 giugno a Castelnuovo di Garfagnana, Sala Suffredini, alle 21,15 si esibirà Alexandra Kasman, giovane talento del pianoforte, vincitrice dell’edizione 2017 del prestigioso premio Roberto Melini che si è fatto notare sulla scena pianistica internazionale. Ha ottenuto riconoscimenti in prestigiosi concorsi in Europa e negli Stati Uniti, e continua la sua formazione alla leggendaria Juilliard School di New York. Il debutto, a soli 13 anni, con l’Orchestra Sinfonica Nazionale in Ucraina, si è già esibita con altre grandi orchestre in Giappone, Russia, Francia, Italia e Stati Uniti e tiene concerti, da solista, in sale di assoluto prestigio come la Alice Tully Hall a New York e altre tra America, Europa e Asia. Ingresso gratuito.

Venerdì 29 giugno alle 21,15, Piero Gaddi e Fabrizio Desideri si ritrovano sul palco in un progetto tutto nuovo: inaugurano in questa occasione, infatti, la collaborazione con due professionisti come il percussionista Francesco Petreni e il contrabbassista Filippo Pedol, in questo importante concerto che segna il ritorno dell’International Academy of Music Festival nello stupendo scenario di Castiglione di Garfagnana. Il Desideri-Gaddi Quartet proporrà esclusivamente musica propria: un jazz che sa muoversi tra una spontanea godibilità e una frontiera sempre aperta di ricerca e sperimentazione.
Gaddi si è diplomato al Boccherini e laureato al DAMS di Bologna, per intraprendere poi un percorso jazz di lato livello: collabora e suona, tra gli altri, con Tom Lorenz, Klaus Lessmann, Marco Tamburini, Mirco Guerrini, Stefano Cantini, Alessandro Fabbri, Pietro Tonolo, Andrea Tofanelli, Fabrizio Desideri, Ruben Chaviano, Marco Micheli, Paolino Dalla Porta, Paul Mc Candless, Deborah Davis. Con il Jubilum Jazz Chorus, da lui fondato, rielabora il repertorio liturgico, pop e rock in chiave jazz-gospel. È titolare di cattedra in Pianoforte Jazz presso il Conservatorio Puccini di La Spezia. In duo con Daniele Paoletti, esplora le possibilità dell’elettronica nel Jazz con l’ Electronic Jazz Activity (EJA), dove sviluppa ricerche timbriche e formali inconsuete, che rivolge anche all’ambito della produzione teatrale: Mauro Avanzini è stato ospite del progetto. Desideri si è diplomato in clarinetto e in jazz presso al Mascagni di Livorno e dopo il perfezionamento a Siena Jazz ha fatto parte della Barga Jazz Orchestra, diretta da Bruno Tommaso, e della Futura Jazz Orchestra di Firenze. Ha suonato e collaborato con alcuni tra i più importanti musicisti del panorama jazzistico italiano e internazionale, tra i quali Kenny Weeler, Stefano Bollani, Paolino Dalla Porta, Marco Tamburini, Mauro Grossi, Tino Tracanna, Danilo Rea, Walter Paoli, Sandro Gibellini, Ellade Bandini, Ares Tavolazzi, Andrea Tofanelli, Petra Magoni, Roberta Gambarini. Ha inciso, tra gli altri, per Columbia Sony Music, RTI Music, Onyx Records. Apprezzato compositore ha pubblicato 2 CD di composizioni originali proprie e di Piero Gaddi con l’Internos Quartet. E’ docente di clarinetto al Liceo Musicale di Lucca e ha vinto numerosi premi di composizione per la didattica, oltre a tenere laboratori di musica jazz per la Regione Toscana, per la Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa e presso l’Istituto Musicale Boccherini di Lucca. Ingresso gratuito.

Sabato 30 giugno alle 21,30 andrà in scena, nell’elegante cornice di piazza Umberto I a Castelnuovo di Garfagnana, uno spettacolo raro e di grande suggestione: Porgy & Bess, opera musicale di George Gershwin, eseguita nell’affascinante versione di Gil Evans. Sullo sfondo unico della Rocca Ariostesca, l’orchestra di fiati del Conservatorio Puccini di La Spezia regalerà al pubblico una delle pagine migliori della musica del ventesimo secolo, nonché una delle più note: diretti da Alessandro Fabbri, i musicisti porteranno il pubblico fino al cuore di un testo che custodisce uno dei protagonisti dell’immaginario musicale collettivo: il brano Summertime. Alla tromba, un grande solista come Manolo Nardi, per una serata di grande musica. Ingresso gratuito.

Domenica 1 luglio appuntamento con il “Garfagnana music tour” per inediti percorsi musicali. Dopo il successo dello scorso anno, torna il tour musicale che ci porta a scoprire alcuni angoli della Garfagnana nel suggestivo connubio con i concerti della musica classica. l’International Academy of Music Festival offre la possibilità di salire in pullman e farsi trasportare per un pomeriggio di musica e relax. L’appuntamento per la partenza è alle ore 15,30 da Castelnuovo Garfagnana.
Il pullman alle 16,30 arriva a Sillano dove si potrà assistere all’esibizione dell’Ensemble di violoncelli. Alle 18 arrivo all’Orecchiella, al Centro accoglienza per godere al fresco del concerto “Il violino virtuoso”. Alle 21 appuntamento a Corfino con il concerto di Esteban Castro, pianoforte tra classico e jazz. Castro è davvero una delle stelle più splendenti del panorama musicale internazionale. A soli 15 anni, ha già diviso il palco con alcuni jazzisti di fama mondiale come, tra gli altri, Wynton Marsalis, Joe Lovano e Christian McBride. Vincitore di premi e riconoscimenti di grande importanza, ha già inciso due CD.