Il Blues torna in città: dal 20 al 22 aprile appuntamento con il Lucca Blues Festival al Foro Boario

LUCCA – Torna il Blues in città. Nella sua veste, ancora una volta internazionale, al Foro Boario i grandi musicisti si danno appuntamento per il Lucca Blues Festival giunto alla quinta edizione. I riflettori si accendono sul palco per questo genere musicale che vanta un folto pubblico di appassionati che, di anno in anno, riempiono la sala del Foro Boario per vivere l’atmosfera che il blues ricrea. Anche per questa edizione ci sarà spazio per musicisti italiani ma anche per artisti che provengono dalla Gran Bretagna e dagli Stati Uniti. Non mancherà un punto ristoro e la tradizionale mostra mercato di vinili allestita nell’atrio di ingresso dell’edificio. Il ricavato sarà devoluto a Emergency, come è nella tradizione dell’associazione Lucca Blues Festival che ogni anno si prodiga per organizzare l’appuntamento. Proprio a Emergency è dedicata la cena organizzata per venerdì 20 aprile, serata in cui sarà anche proiettato anche il video con il saluto della presidente Rossella Miccio.

La rassegna musicale si apre il 20 aprile con Andrea Biagioni, una delle persone insignite del titolo di “Lucchese dell’anno” nel 2016 è stato uno dei più apprezzati partecipanti di X Factor 2016 sotto la guida di Manuel Agnelli che lo ha anche scelto come artista per aprire molti dei concerti degli Afterhours. Si avvicina alla musica all’età di 10 anni, prima al pianoforte e poi, da autodidatta, alla chitarra che è poi lo strumento da cui non si sarebbe più separato. Al Lucca Blues Festival si esibisce con “The dirty rabbits”, sodalizio artistico nato in seguito ad un incontro con alcuni musicisti. Ne scaturisce un progetto da cui nascono incroci sonori in cui il blues incontrano il rock e le distorsioni.

Il 20 aprile sale sul palco anche lo statunitense Stan Street, poliedrico artista che spazia dalla pittura alla batteria fino all’armonica e al canto. Torna a Lucca dopo il grande successo dello scorso settembre al Foro Boario dedicato al Blues. Nasce a New York ma cresce in Florida. E’ con il successivo trasferimento a Calrksdale nel Mississippi che trova terreno fertile per la musica che ha sempre amato: il blues primordiale del delta del Mississippi. Ha partecipato ai più importanti blues festival di Louisiana, Alabama, Georgia, Canada e, ovviamente, Mississippi. A Lucca sarà accompagnato da Michele Biondi alla chitarra, da Carlo Romagnoli al basso e da Matteo Sodini alla batteria.

Sabato 21 aprile sul palco salirà il ventiseienne Krissy Matthews, chitarrista, cantante e autore britannico-norvegese. Ha realizzato ad oggi cinque album di cui il primo, “Blues Boy”, all’età di 18 anni. Si è esibito sui palchi di tutta Europa e ha all’attivo più di mille concerti. Ha inoltre suonato nei più importanti festival europei: Majorca Jazz Festival, Burlada Blues Festival, Canal Street Festival e The Giant of rock festival. A Lucca si presenta con Walter Cerasani al basso e Kevin Hickman alla batteria.

Chiude il Lucca Blues Festival, domenica 22 aprile, la Guy King Band. La naturale abilità e la speciale miscela di blues, jazz e R&B sono solo alcuni degli aspetti che caratterizzano Guy King nel panorama musicale mondiale. Nato e cresciuto in una piccola comunità rurale isaraleiana, Guy arriva negli USA all’età di 16 anni e si trasferisce a Chicago, città da cui ha inizio la sua carriera musicale. La sua abilità viene subito notata e entra a far parte della Willie Kent’s Band come chitarra solista e poi band leader. Poco dopo inizia la sua carriera solista esibendosi nei più famosi locali di Chicago per poi sbarcare all’estero e, in particolare, in Giappone, Brasile, Argentina, Messico, Cile, Francia e Inghilterra. Nel 2015 firma per la Delmark Records con cui registra “Truth” che, nel 2016, raggiunge la numero uno nella classifica Contemporary Blues Chart e il numero cinque nella Living Blues Chart. Nel 2017 viene inoltre nominati ai Blues Music Awards nella categoria “Miglior album artista emergente”. Negli anni ha partecipato al Montreal Jazz Festival, Chicago Blues Festival, Basel Blue Festival. A Lucca si esibirà con Gio Rossi alla batteria, Walter Monini al basso, Luca Di Gammarco al sax, Alessandro Di Bona Ventura alla tromba e Jan Korinek alle tastiere.

Non resta quindi che mettersi comodi e ascoltare apprezzati musicisti che faranno risuonare il blues in città. L’ingresso alla rassegna è libero e i concerti inizieranno alle ore 21. La tre giorni di musica è patrocinata dal Comune di Lucca e da Confcommercio Lucca e Massa Carrara.

Per maggiori informazioni è possibile scrivere a luccabluesfestival@tiscali.it