Il “caso Iacono” sbarca a Roma: interrogazione parlamentare sul trasferimento del comandante

0

ROMA – Il caso del trasferimento da Viareggio a Palermo del comandante della Capiteneria di Porto di Viarggio, come annunciato giorni addietro da Tgregione (Comandante trasferito, Debora Bergamini: “Ho presentato ), sbarca a Roma. L’onorevole di Forza Italia, Debora Bergamini, ha infatti presentato una interrogazione parlamentare.

10576998_10202864177151134_80258261081402124_n

Questo il testo:

“Premesso che:
la difficile situazione del porto della città di Viareggio è oggetto di un’inchiesta della Magistratura  alla quale stanno collaborando tutte le autorità locali al fine di garantire il ripristino della legalità e un corretto sviluppo delle attività della Darsena;
il Comandante della capitaneria di porto di Viareggio, Marco Alberto Iacono, da appena un anno in carica, è stato trasferito senza riuscire a portare a termine il proprio mandato della durata di due anni, nonostante stesse lavorando alacremente allo scopo di ricostituire l’ordine e la trasparenza delle attività del porto di Viareggio, impegnandosi contro l’abusivismo e per il controllo della qualità delle acque, anche in collaborazione con la Procura di Lucca;
una delle priorità delle Istituzioni deve essere quella di tutelare la professionalità di quanti svolgono il proprio dovere in favore della collettività, contrastando ogni forma di illegalità, mentre in questo caso non sono chiare le modalità con cui è stata assunta la decisione della sostituzione e le motivazioni che sono alla base del provvedimento di trasferimento;
nel mese di luglio il Comandante Iacono è stato oggetto di polemiche in seguito ad un episodio che ha visto alcuni agenti della capitaneria di porto, armati di sfollagente, allontanare i venditori abusivi dalla spiaggia libera di Marina di Pietrasanta senza tuttavia utilizzare detti sfollagente contro i venditori stessi né alcuna altra persona presente;
la vicenda è stata senza dubbio strumentalizzata allo scopo di provocare un avvicendamento all’interno della Capitaneria di porto dal momento che gli agenti della capitaneria, essendo pubblici ufficiali, sono autorizzati a circolare con gli sfollagente, di cui sono dotati a norma di legge, e dei quali non hanno comunque fatto uso contro alcuno;
i sindaci della Versilia in un comunicato comune si sono detti “disorientati” dal trasferimento del Comandante Iacono, vista la solerzia e l’impegno profuso dallo stesso nella lotta all’illegalità nel porto di Viareggio;

la sottoscritta interrogante chiede di sapere:-

se i Ministri interrogati intendano fare luce su quanto avvenuto nella città di Viareggio, chiarendo le modalità e le motivazioni del trasferimento del Comandante Iacono, e rassicurando i cittadini sul fatto che l’impegno delle istituzioni, anche nazionali, per il ripristino della legalità nel Porto di Viareggio e in generale in Versilia non verrà meno”.

No comments

*