Il Panathlon entra nelle scuole: lo sport per tutti come prevenzione dei rischi legati alla salute

0

LUCCA – Il Panathlon significa dal greco pan=tutto e athlon=sport insieme delle discipline sportive, è riconosciuto dal C.I.O. e dal C.O.N.I. ed ha come scopo l’affermazione dell’ideale sportivo e dei suoi valori morali e culturali, quale strumento di formazione ed elevazione della persona e di solidarietà tra gli uomini e i popoli. Il Panathlon è un’associazione senza finalità di lucro costituita in forma di club i cui soci sono tutti volontaricon trascorsi sportivi.

A tale scopo il Panathlon avvalendosi di quanto recita la carta del Panathleta al punto 7 “mi impegno a prodigarmi affinché una sana educazione sportiva venga data alla gioventù della mia città, della mia regione, del mio paese” e constatando la crescita della sedentarietà e dell’obesità infantile ha studiato un percorso educativo con il coinvolgimento del C.O.N.I., Comune di Lucca, scuole del territorio, società e associazioni sportive, Veterani dello Sport, per attivare nelle scuole materne e primarie una più intensa a significativa attività motoria. Tutti i soggetti coinvolti hanno colto il valore del progetto ed entusiasticamente hanno offerto la loro collaborazione prevedendo un test sperimentale con la scuola materna Leone XII, grazie alla preziosa disponibilità della responsabile Monica Lunardi. Il test è stato attuato anche con l’Istituto comprensivo Lucca Centro Storico con il supporto della dirigente scolastica Gabriella Nanini e delle sue collaboratrici.

A presentare l’iniziativa nel suo complesso sono stati, questa mattina durante una conferenza stampa a Palazzo Orsetti, l’assessore allo Sport Celestino Marchini, il presidente di Panathlon Arturo Guidi, il presidente C.O.N.I. Enrico Bertuccelli, Rossana Guidi per l’Istituto Comprensivo del Centro Storico e Monica Lunardi per la scuola materna “Leone XII”.

Il progetto si sviluppa in due percorsi. Il primo vede coinvolte le scuole materne dell’infanzia Leone XII, Il Girasole e Il Giardino: complessivamente 252 bambini che svolgono per due volte la settimana suddivisi per fasce di età (tre,quattro, cinque anni) attività ludica motoria sotto la guida d’insegnanti C.O.N.I. laureati in scienze motorie con particolare esperienza formativa con i bambini; la spesa a carico delle famiglie (escluso quelle più maggiori difficoltà economiche) è di € 4,00 al mese. Il Panatholn fornisce così una proposta educativa che vuole essere uno “strumento ausiliario” al lavoro quotidiano delle educatrici perché l’esperienza – gioco con il proprio corpo, con l’attrezzatura didattica, con il ritmo possa agevolare il bambino nella presa di coscienza delle proprie possibilità e nello sviluppo delle proprie capacità: in pratica  contribuire all’acquisizione dell’autostima, autonomia e identità.

Il secondo percorso coinvolge le scuole primarie “D.Alighieri” e “G.Pascoli”. Dopo aver ottenuto il consenso degli insegnanti e rappresentanti di classe è stato fatto circolare un questionario a tutti gli alunni dove veniva chiesto se praticavano attività sportiva. Su 325 bambini,  175 praticano sport a vari livelli, mentre 150 non praticano nessun sport. Nello stesso questionario veniva chiesto quale sport, i bambini,  avrebbero voluto praticare: la scelta è stata Nuoto, Basket e Pallavolo con un totale di 115 adesioni.

L’attività si svolge al di fuori degli orari scolastici, con diverse finalità: tra queste il Panathlon evidenzia quella dell’aggregazione sociale poiché la pratica ludico-motoria diventa luogo di esperienze formative e consolidamento di civismo e solidarietà valorizzando tutti i valori positivi della pratica sportiva non agonistica. Tutto ciò è reso possibile grazie alla collaborazione accordata da numerose società sportive. Le attività scelte sono svolte un’ora per due volte la settimana dagli alunni al costo di €5,00 mensili. Le società che hanno aderito sono: ASD Circolo Nuoto Lucca, Pallacanestro – Centro Mini Basket Lucca, Unione Pallavolo Lucca. La volontà del Panathlon, per il futuro, è quella di coinvolgere tutti gli sport e permettere al bambino quale scegliere.

No comments

*