Imbarca acqua rischiando di affondare, soccorso dalla Guardia Costiera

0

LIVORNO – Sono le ore 14:00 circa quando la Sala Operativa della Guardia Costiera di Livorno viene contattata via radio sulla frequenza di soccorso da un’imbarcazione a vela con motore ausiliario lunga 13 metri, con 2 persone a bordo: “Abbiamo una grossa via d’acqua che non riusciamo ad esaurire con la pompa di bordo, siamo in due, aiutateci” – “Dove vi trovate?” – “Abbiamo appena lasciato la Meloria e veniamo verso il porto di Livorno”. – “Ricevuto, indossate i giubbotti di salvataggio”.
Viene disposta l’uscita della motovedetta di soccorso CP 867 e intanto si individua l’unità, grazie all’ausilio delle telecamere portuali a lungo raggio. In una successiva comunicazione, il conduttore riesce a fornire una posizione precisa, in coordinate GPS.
Una volta raggiunto il mezzo in difficoltà, personale della Guardia Costiera trasborda su di esso e inizia le operazioni di svuotamento della sentina con la pompa barellabile in dotazione, riscontrando un importante allagamento.
Successivamente, grazie anche alle indicazioni fornite dal proprietario, viene individuata la causa del problema, ovvero il distacco del collettore che convoglia fuoribordo l’acqua di raffreddamento del motore. Sistemata l’avaria, il mezzo viene scortato sino al proprio ormeggio in porto a Livorno.
Nel corso dell’operazione, sono intervenuti in assistenza anche i Vigili del Fuoco del Distaccamento porto, con l’unità VFR09 e con il Nucleo Sommozzatori e relativo gommone appoggio.
Si evidenzia il corretto comportamento del proprietario dell’imbarcazione, che ha contattato la Guardia Costiera in tempo utile a consentirne l’immediato intervento, prevenendo l’affondamento del mezzo. Al riguardo, si rammenta l’esistenza del numero blu 1530, mediante il quale parlerete direttamente con un operatore della Capitaneria di porto a voi più vicina, permettendo di agire con la massima tempestività.

No comments

*