In camera da letto aveva una mitragliatrice, in manette un 60enne

0

CARRARA – I Carabinieri dell’Aliquota Operativa del Nucleo Operativo e Radiomobile, in collaborazione con i militari della Stazione di Carrara, hanno concluso una brillante operazione a seguito della quale è stato tratto in arresto, nel centro della città, un sessantenne del luogo, pluripregiudicato anche per reati contro il patrimonio e contro la persona. L’operazione è giunta al termine di una approfondita attività d’indagine, di controlli e pedinamenti; l’uomo infatti era da tempo nel mirino dei militari che negli ultimi giorni ne avevano studiato abitudini, spostamenti, comportamenti; l’altro giorno infine, al termine di un ulteriore servizio di osservazione e pedinamento, si decideva di bloccare il soggetto e di sottoporre ad attenta perquisizione la sua persona ma soprattutto la sua abitazione. I Carabinieri quindi, senza esitazione, nonostante il fermato avesse cercato di guadagnare tempo e di condurli in un’altra casa, si portavano presso il reale domicilio del pregiudicato che veniva setacciato dai militari alla ricerca di conferme alle loro ipotesi investigative; la mossa si rivelava azzeccata e gli operanti avevano così modo di trovare, in particolare nella camera da letto dell’uomo, una mitragliatrice semiautomatica marca Uzi, di fabbricazione Israeliana calibro 9 Parabellum, con il caricatore inserito seppur senza munizioni; l’arma era in buone condizioni ed appariva perfettamente pronta ed idonea all’uso; la perquisizione quindi proseguiva e permetteva di scoprire altre cose molto “interessanti”; i militari infatti rinvenivano in quella casa anche un assegno in bianco, risultato rubato alcuni anni fa a Firenze, e soprattutto attrezzi e materiali vari idonei alla punzonatura di metalli ed alla contraffazione e falsificazione di carte di circolazione. L’uomo quindi, dopo essere stato condotto presso i locali della Compagnia di Carrara, veniva dichiarato in stato di arresto per detenzione illegale di arma da guerra e deferito inoltre per il reato di ricettazione. Lo stesso poi, su disposizione dell’autorità giudiziaria, è stato tradotto presso la propria abitazione in regime di arresti domiciliari in attesa della convalida del suo arresto che si è tenuta nella mattinata odierna presso il Tribunale di Massa. All’arrestato, convalidato il suo fermo, è stata concessa la detenzione domiciliare.

No comments

*