In dieci giorni evade due volte, rintracciato finisce a Sollicciano

0

FIRENZE  – Della serie il lupo perde il pelo, ma non il vizio. Alle 1.00 circa di ieri una pattuglia della Polizia ferroviaria, durante l’attività di controllo dello scalo ferroviario di Firenze Santa Maria Novella ha rintracciato un uomo. M.G. di anni 37, con numerosi precedenti penali, molti dei quali per reati contro il patrimonio, che da due giorni aveva fatto perdere le sue tracce allontanandosi da Napoli, città in cui lo stesso doveva trovarsi in seguito alla sua sottoposizione alla misura degli arresti domiciliari.

Gli agenti, dopo aver appreso che l’uomo identificato risultava essere un evaso, lo sottoponevano a perquisizione rinvenendo, all’interno di un trolley che aveva al seguito, occultato tra i vestiti, un cacciavite di notevoli dimensioni. Per il trentasettenne terminava quindi la sua vacanza fiorentina con la fidanzata, anche questa nota alle Forze dell’Ordine. per reati contro il patrimonio, con il quale l’uomo si trovava nel capoluogo Toscano.

I poliziotti accertavano altresì che l’uomo era già evaso dagli arresti domiciliari, e rintracciato in Napoli, solamente una settimana prima.

Il processo, con rito direttissimo, svoltosi nella stessa mattinata, lo condannava alla pena di anni 1 e mesi 3 e con la sostituzione degli arresti domiciliari con la ben più gravosa misura della custodia cautelare in carcere. Per l’uomo si sono così aperte le porte del carcere di Sollicciano.

No comments