In fuga sulla FiPiLi con 20 chili di hashish, presi dalla Polstrada

0

PISA – Una pattuglia della Polizia Stradale di Pisa impiegata in servizio di vigilanza stradale sulla Fi-Pi-Li all’altezza del territorio del comune di Crespina ha notato un’autovettura Audi A4 sw percorrere lo stesso tratto a velocità sostenuta. Gli operatori si affiancavano e notavano al suo interno due persone di sesso maschile di probabile etnia magrebina. Pertanto decidendo di procedere al loro controllo, gli si accodavano all’Audi con lo scopo di cercare un luogo idoneo dove poter fermare l’auto e dopo poche centinaia di metri, in prossimità di una piazzola di sosta, azionavano i dispositivi visivi di emergenza per segnalare al conducente dell’Audi di arrestarsi. In quell’istante gli occupanti dell’Audi invece di rallentare la corsa, la aumentavano, ed iniziava una fuga che terminava in via Maremmana, a.Cenaia, in direzione del paese di Lavaiano.All’atto del controllo, il conducente, nonostante opponesse resistenza, veniva bloccato immediatamente, mentre il passeggero, apriva violentemente lo sportello ed iniziava una colluttazione con l’altro operatore a seguito della quale riusciva a divincolarsi dandosi alla fuga nei campi adiacenti. Il conducente M.A. classe ’72 nato in Marocco veniva tratto in arresto e l’operatore della Polizia Stradale veniva trasportato a mezzo ambulanza presso il pronto soccorso dell’Ospedale Lotti di Pontedera dove era visitato e refertato con una prognosi di 21 giorni salvo complicazioni per trauma all’emicostato destro. All’interno della bauliera dell’Audi veniva rinvenuto un trolley di colore rosso contenente 14 panetti, confezionati in cellophane, presumibile sostanza stupefacente. Di fatto, la sostanza stupefacente successivamente analizzata risultava essere hashish, per un peso lordo di 20 chili

Il Sostituto Procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Pisa dottoressa Paolo Rizzo dopo aver appreso i fatti che hanno determinato l’arresto, ne disponeva l’accompagnamento presso la Casa Circondariale di Pisa.

 

No comments

*