Insediamenti abusivi, 16 denunciati

0

FIRENZE – La polizia ieri mattina ha denunciato 16 persone per occupazione di terreni ed edifici. E’ questo il bilancio dei controlli effettuati da volanti e poliziotti di quartiere nei pressi degli insediamenti abusivi di via del Fossetto, via del Pesciolino e via dell’Osteria. Tra i denunciati, la maggior parte di origine rumena, 4 cittadini marocchini – in Italia irregolari e di età compresa tra i 30 e i 50 anni – sono stati sottoposti a fermo per identificazione. Per loro è inoltre scattata anche un’altra denuncia per la violazione degli obblighi sul soggiorno.
Nel tardo pomeriggio la volante ha denunciato un fiorentino di 80 anni per il danneggiamento aggravato di un’autovettura. A dare l’allarme al 113 è stato un residente della zona che, poco prima dell’arrivo degli agenti, aveva notato l’anziano piegato vicino ad una utilitaria parcheggiata in via Baracchini. Il testimone si è poi accorto che l’80enne, mentre fischiettava, stava rigando la carrozzeria del mezzo con un mazzo di chiavi. L’uomo, identificato dalla polizia, ha provato a giustificare il suo gesto immotivato riferendo che in passato sarebbe stato a sua volta vittima di simili episodi.
In serata, ai giardini della Fortezza da Basso, gli uomini del Reparto Prevenzione Crimine Toscana hanno arrestato un foggiano di 29 anni sorpreso a spacciare hashish ad un 15enne. Quando è stato fermato l’uomo ha tentato invano di disfarsi di altri 30 grammi di stupefacente gettandoli a terra. Sempre in serata, durante un controllo in via Respighi, è stato segnalato per uso di droghe un altro minorenne: si tratta di un fiorentino di 16 anni fermato con addosso qualche grammo di marijuana. Nel corso dell’attività sono state inoltre segnalate per la stessa violazione altre due persone maggiorenni.
La notte scorsa infine le volanti hanno identificato un cittadino tunisino di 34 anni responsabile di un’aggressione ad un barista di via Palazzuolo. Il magrebino, in ragione del suo evidente stato di ebbrezza alcolica, si era visto rifiutare dal commerciante la vendita di una bottiglia di liquore. Al legittimo diniego del barman lo straniero ha però tirato fuori dalla tasca un coltellino multiuso e lo ha colpito di taglio ad un braccio; poi è salito su una bici e si è allontanato facendo perdere le proprie tracce. Dopo quasi due ore il fuggitivo si è ripresentato sulla scena del delitto, ma questa volta ha trovato ad aspettarlo una pattuglia della polizia che lo ha subito sottoposto a fermo per identificazione denunciandolo per lesioni aggravate e porto ingiustificato di coltello.

No comments

*