Isis e ‘ndrangheta, possibile appoggio: coperture in cambio di armi e droga

1

ITALIA – Isis e ‘ndragheta. Il rischio c’è. Parola del Procuratore di Reggio Calabria, dottor Federico Cafiero De Raho, secondo il quele qualora l’Isis volesse infiltrarsi sul territorio italiano, in Calabria potrebbe trovare appoggi logistici dalla ‘ndrangheta in cambio di armi e droga: “E’ una ipotesi da percorre, su cui vale la pena lavorare e su cui tenere un’attenzione molto alta – ha affermato -: ” Tenere un’attenzione alta su questi aspetti almeno per quanto riguarda la nostra Dda è fondamentale”. “La ‘ndrangheta – spiega il procuratore di Reggio Calabria all’Ansa – è un’organizzazione criminale che si muove per finalità di profitto, quindi ovunque c’e’ un profitto, un interesse. D’altro canto per l’importazione delle armi con chi ha rapporti se non con determinati ambienti che sono vicini al terrorismo o che sono vicini alle guerre che si sono sviluppate negli ultimi anni in alcuni Paesi? Quindi, comunque, le armi vengono da quei territori. Attraverso l’Isis riuscirebbe anche ad avere droga, soprattutto eroina. La Dda ha alcune inchieste in corso, fondate sul monitoraggio internet, per verificare, con la polizia postale, se persone, soprattutto extracomunitari, che provengono dalle aree più calde e che risiedono nel territorio reggino possano avere rapporti con esponenti dell’Isis o comunque con quel mondo vicino al terrorismo o con persone che si sono addestrate in quei territori. Abbiamo indizi di vicinanza ma non intraneità al terrorismo Alcuni hanno dimostrato di condividere in pieno quella propaganda, addirittura quelle modalità operative, ma non ci risulta che siano già dentro l’area del terrorismo. Abbiamo indizi della vicinanza ma non della intraneità al terrorismo”.

1 comment

Post a new comment

*