Ispettrice presa per il collo da un africano in cella per violenza sessuale, il sindacato: “Con la chiusura degli Opg troppi reclusi psichiatrici”

PRATO – Ancora un’aggressione in carcere, questa volta a Prato, vittima una ispettrice della polizia penitenziaria. Secondo quanto comunicato dalla Fp Cgil, il detenuto è un giovane africano, in carcere per reati di violenza sessuale, che ha preso per il collo la donna, cercando di strangolarla. Solo grazie al pronto intervento di altri agenti è stato evitato il peggio.
La Fp Cgil, esprimendo vicinanza e solidarietà all’ispettore vittima dell’attacco, sottolinea la professionalità del personale che è riuscito a immobilizzare l’esagitato, salvando così la collega.
“La riflessione – scrive il sindacato – è che al momento presso il carcere pratese sono rinchiusi decine di detenuti considerati comuni ma in realtà con gravi problemi psichiatrici. la chiusura degli Opg, senza valide alternative, ha di fatto spostato solo il problema. Da anni denunciamo quetso fenomeno e invano assistiamo a questo stillicidio nel silenzio più assordante delle istituzioni”.