La Polizia sequestra e recupera 15 smartphone di sospetta provenienza furtiva

0

FIRENZE – Ieri la polizia nel corso di un’operazione ha sequestrato 15 smartphone di sospetta provenienza furtiva. Tra questi alcuni Iphone erano già stati bloccati in remoto direttamente dalla casa madre.

La scoperta è stata fatta ieri sera dagli uomini delle volanti pochi attimi dopo aver sorpreso un 29enne pakistano a spacciare cocaina nella zona del Mercato Centrale.

L’uomo era già noto ai poliziotti che lo avevano denunciato nel luglio scorso sempre per una vicenda legata alla droga (detenzione ai fini di spaccio).

Nuove segnalazioni di cittadini e residenti avevano però ancora una volta richiamato l’attenzione delle forze dell’ordine nella zona; così intorno alla mezzanotte gli operatori si sono appostati per  osservare i movimenti del sospetto.

Quest’ultimo, uscito da un negozio della piazza, si è diretto verso una cantina in via Nazionale; dopo pochi attimi è uscito e ha venduto due dosi di cocaina ad un uomo italiano.

Gli agenti sono subito interventi arrestando lo spacciatore e sanzionando l’acquirente; nel fondo è stato poi ritrovato materiale per il confezionamento ed una bilancina di precisione.

Durante la medesima attività la polizia ha identificato e controllato, sempre in zona, anche il fratello convivente del pusher: il giovane, quasi 18enne, aveva in mano 3 Iphone due dei quali erano stati bloccati direttamente dalla Apple.

Gli agenti sono voluti andare a fondo nelle vicende legate ai due fratelli – quella della droga e quella relativa alla ricettazione dei telefonini – estendendo le verifiche nella loro abitazione a Rifredi.

Poco dopo, nel comodino della camera da letto del pusher, insieme al suo permesso di soggiorno, i poliziotti hanno trovato altri 13 smartphone di marche famose.

I due fratelli sono accusati entrambi del reato di ricettazione. La polizia sta ora verificando la provenienza degli apparecchi rintracciandone i legittimi proprietari.

Sempre ieri, in giornata, con l’accusa di spaccio di droga, è finito in manette un cittadino del Gambia di 19 anni.

Il giovane è stato sorpreso al parco delle Cascine dalle unità cinofile della Polizia di Stato.

Gli agenti lo hanno fermato mentre, insieme a due suoi connazionali di 17 anni, stava vendendo hashish ad un giovane nigeriano. Denunciati i due minori.

Durante l’operazione, effettuata nel corso di un servizio straordinario di controllo del territorio,  la polizia ha complessivamente sequestrato circa 30 grammi di stupefacente.

Altri controlli sono stati fatti tra via degli Avelli, via Martelli,  Piazza Duomo,  piazzale degli Uffizi e piazza dei Giudici dove le volanti e i poliziotti di quartiere hanno compressivamente identificato oltre 90 persone e sottoposto a fermo per identificazione 12 cittadini stranieri successivamente denunciati per la violazione degli obblighi sul soggiorno.

Nel pomeriggio nella zona di piazza Duomo sono stati infine sanzionati 8 venditori abusivi e sequestrati un centinaio di articoli destinata alla vendita su strada.

No comments

*