L’AVO promuove l’iniziativa “Belle comunque”

0

LUCCA – “Belle comunque” è un progetto, portato avanti dall’AVO, Associazione Volontari Ospedalieri, rivolto a pazienti oncologiche sottoposte a trattamenti chirurgici, chemioterapici o radioterapici.

L’obiettivo dell’iniziativa è fornire informazioni ed esemplificazioni sulle potenzialità dei trattamenti estetici per promuovere il benessere in situazioni così particolari.

È per questo previsto un incontro gratuito con un’estetista esperta in Oncology Esthetics, in grado di fornire informazioni e di promuovere l’importanza della cura della persona.

Il progetto è stato illustrato nel corso di una conferenza stampa che si è svolta oggi (2 dicembre 2015) nella sede direzionale dell’Azienda USL 2 dalla Presidente di AVO Lucca Fiorenza Fanicchi, dalla Vice Presidente di AVO Lucca Ilaria Gatto, insieme al Vice Commissario dell’Azienda USL 2 Joseph Polimeni, al Coordinatore delle attività sanitarie aziendali Michela Maielli, al Responsabile dell’Accoglienza ITT Lucia Tanganelli e alla psicologa che si occupa dei progetti di psiconcologia Stefania Tocchini.

“L’AVO – spiegano Fiorenza Fanicchi e Ilaria Gatto – rappresenta una delle più importanti e riconosciute realtà nel settore del volontariato socio-sanitario: può fare parte di questa associazione chiunque abbia il desiderio di dedicare parte del proprio tempo al servizio degli ammalati negli ospedali, negli hospice o in altre strutture sanitarie. Questa è la nostra missione e abbiamo intrapreso il progetto Belle comunque, grazie ad un finanziamento della Fondazione Banca del Monte di Lucca, per migliorare la qualità della vita di persone sottoposte a terapie antitumorali salvavita”.

L’importanza dell’iniziativa è stata messa in evidenza anche dal Vice Commissario Joseph Polimeni e dagli altri professionisti dell’Azienda USL 2 presenti alla conferenza stampa, che hanno ringraziato l’AVO per il suo impegno quotidiano e per questo specifico progetto.

 

Trattare il corpo delle persone e la pelle, in particolare, esige un approccio personalizzato. Questo vale ancora di più per persone che si stanno sottoponendo a cure come quelle antitumorali.

Nell’era della medicina personalizzata, anche i trattamenti di bellezza sono infatti diventati su misura e nasce la nuova frontiera dell’estetica oncologica: tecniche, manipolazioni e prodotti specifici per le persone che vengono sottoposte a terapie antitumorali salvavita.

Problemi alla pelle e ai suoi annessi, unghie in particolare, che in precedenza portavano molti pazienti a rinunciare a curare la propria persona, perché non sapevano a chi rivolgersi.

Fare in modo che non debba più accadere è l’obiettivo dei progetti che si stanno sviluppando in tutta Italia, come appunto “Belle comunque”.

Questa attività non si sovrappone in alcun modo alle competenze cliniche di medici, infermieri e psicologi e rientra a pieno titolo nelle attività promosse dall’AVO, che si occupa quotidianamente di promozione della cultura dell’umanizzazione; di ascolto dell’ammalato; oltre che di piccoli servizi concreti, di accoglienza ed accompagnamento nei percorsi dei familiari dei malati, di presa in carico dei pazienti in stretta collaborazione con il personale dell’Azienda USL 2 di Lucca.

 

No comments

*