Lite di “soldi” tra coniugi separandi: la ex moglie “sbugiardata” dalla Polizia

0

LUCCA – La Polizia di Stato ha concluso una indagine che, iniziata come controversia di tipo civilistico tra due ex coniugi, entrambi residenti nella immediata periferia di Lucca e separatisi a causa di insanabili divergenze, laddove la donna lamentava il parziale mancato pagamento dell’ assegno di mantenimento, ha poi avuto risvolti penali, con approfondimenti investigativi che hanno sconfessato quanto sostenuto dalla donna e dato ragione all’ ex marito. La donna sporge querela verso l’ uomo per il reato di “mancata esecuzione dolosa di un provvedimento del giudice”, il classico reato che compiono gli ex coniugi che, con la sentenza di separazione, impongono anche il pagamento degli eventuali alimenti per figli e l’ ex coniuge. I poliziotti della Squadra mobile hanno verificato la vicenda rappresentata in denuncia, scoprendo attraverso comparazioni documentali e testimoni che in realtà l’ uomo, seppure all’ inizio in ritardo a causa di problemi economici, ma dopo puntualmente, aveva sempre onorato i pagamenti dovuti. La donna, probabilmente per rancore verso l’ ex marito, aveva dunque denunciato il falso sul suo conto; al termine degli accertamenti, l’ uomo è stato scagionato e la donna a sua volta denunciata per calunnia.

La Sezione reati contro la persona della Squadra mobile della Questura   si è anche occupata di una vicenda che ha del piccante, sfociata in risvolti penali con la denuncia delle due contendenti. I fatti avvengono alcune settimane fa in un ristorante della piana gestito da cittadini cinesi: poco prima delle 20.00 si presenta una 21enne, marocchina residente nel fiorentino, che chiede insistentemente di parlare con il titolare e sua moglie, da poco arrivata dalla Cina per raggiungere il coniuge. La 21enne intende aver spiegazioni dall’ uomo perché erano stati amanti per diverso tempo, ma quando la moglie stava per arrivare dalla Cina l’ uomo l’ aveva mollata senza troppe spiegazioni, mentre in precedenza le aveva promesso i classici mari e monti ed anzi le aveva tenuto nascosto di essere già sposato. Capite le intenzioni della donna, la moglie del titolare ha affrontato la rivale e, davanti ad alcuni clienti atterriti, ne è nata una colluttazione tra le due donne, che si sono graffiate ed accapigliate vicendevolmente per alcuni minuti, fino all’ arrivo della Polizia che, chiamata dal marito/amante, le ha definitivamente divise, allontanando la 21enne ed invitando entrambe a farsi medicare, visto che oltre alle mani era stato anche usato un bicchiere che aveva ferito agli arti la 21enne. Quest’ ultima era stata medicata al Pronto soccorso e refertata con due settimane di prognosi, ma la peggio l’ aveva avuta la cinese, che di settimane di prognosi ne aveva avute 3 a causa di ferite al volto e agli arti più profonde. Nei giorni successivi le due donne, sentite separatamente dagli investigatori della Squadra mobile della Questura, non hanno inteso sporgere denuncia\querela, ma i poliziotti hanno comunque effettuato le indagini del caso, trattandosi di reati procedibili d’ ufficio, e dopo aver sentito numerosi testimoni hanno denunciato entrambe le rivali in amore alla Procura della Repubblica di Lucca per il reato di lesioni personali.

No comments

*