“Lucca Migration Help Desk”, al via il progetto a supporto dei profughi

LUCCA – Il progetto, finanziato dal Ministero dell’Interno a valere sul Fondo Asilo Migrazione Integrazione dell’Unione Europea (FAMI – Capacity building),  si propone di rafforzare i servizi della Prefettura e della Questura di Lucca a supporto dei cittadini dei paesi terzi, facilitando la comunicazione e l’ascolto dei bisogni dei migranti. Il programma, promosso dalla Prefettura di Lucca in collaborazione con  Consorzio Co&SO e la Cooperativa sociale Odissea, è stato attivato a partire dalla scorsa settimana e sarà operativo fino alla primavera 2019.

Dal punto di vista pratico, le attività si svolgono presso la Prefettura, in piazza Napoleone 32, dal lunedì al venerdì dalle ore 9.00 alle ore 12.00. Ogni giorno sono presenti un operatore legale e un mediatore qualificato con conoscenza delle lingue seguenti: Ewe, Mina (lunedì); Igbo, Hausa, Pidgin English (martedì e giovedì); Wolof, Pular (mercoledì e venerdì).

Analoga iniziativa è stata attivata presso l’Ufficio Immigrazione della Questura, in via Montanara 30, dal lunedì al sabato, dalle ore 9.00 alle ore 12.00, secondo il calendario seguente:  Urdu, Punjabi, Hindi (lunedì e giovedì); Arabo (martedì e mercoledì); Pidgin English (venerdì e sabato). Per altre lingue è a disposizione un servizio di mediazione su chiamata con preavviso, con la possibilità di scegliere tra più di 40 idiomi.

Infine, LUDEM prevede anche un percorso formativo rivolto agli operatori del sistema dell’accoglienza, il cui programma è in corso di elaborazione.

Il Prefetto di Lucca, Maria Laura Simonetti, ieri mattina ha ricevuto gli operatori del progetto LUDEM esprimendo il proprio apprezzamento per la rilevanza dell’iniziativa che non mancherà di contribuire al miglioramento del sistema di accoglienza sul territorio.