Mala del Brenta: confiscati tre immobili a Lucca, Pisa e Firenze riconducibili a Felice Maniero

TOSCANA – Gli uomini del Nucleo di Polizia valutaria della Guardia di Finanza hanno eseguito un decreto di confisca di beni emesso dal tribunale di Venezia e che riguarda tre immobili riconducibili all’ex boss della Mala del Brenta Felice Maniero. Gli immobili, per un valore complessivo di 17 milioni, si trovano in Toscana, nelle province di Lucca, Pisa e Firenze, e furono già sequestrati agli inizi del 2017. In quell’occasione furono emesse due ordinanze di custodia cautelare nei confronti di un prestanome e di un promotore finanziario. I due destinatari dell’ordinanza sono detenuti e imputati nel processo per reati di riciclaggio di proventi illeciti e intestazione fittizia di beni, aggravati dalla finalità di agevolare Felice Maniero. Per l’accusa, avrebbero gestito circa 33 miliardi delle vecchie lire del patrimonio illecito di Maniero, acquistando gli immobili che sono stati sequestrati. Si tratta di una villa di pregio con annessa piscina nel comune di Santa Croce sull’Arno, di una casa al mare a Marina di Pietrasanta e di una villetta nel comune di Fucecchio.

Confcommercio incontra il sindaco Del Dotto

CAMAIORE – Una rappresentanza del consiglio Confcommercio di Camaiore, composta dal presidente Roberto Palmerini, dal membro di giunta delegato per la Versilia Roberto Lari nonché ...