Marroni in visita ai Pronto Soccorso del San Luca di Lucca e del Versilia

0

Continua la serie delle visite che l’assessore al diritto alla salute Luigi Marroni sta facendo nei Pronto Soccorso degli ospedali della Toscana.

Stamani è stata la volta dei Pronto Soccorso del Nuovo Ospeale San Luca di Lucca e di quello Unico della Versilia, dove Marroni ha incontrato i direttori sanitari, gli operatori e alcuni degenti.

“In ambedue gli ospedali è stata l’occasione – ha detto l’assessore – per verificare la situazione e fare il punto sui piani di miglioramento dell’accoglienza e dei flussi interni dei pazienti in un momento in cui gli accessi ai Pronto Soccorso stanno crescendo. Nostro compito è quello di mantenere l’attenzione costante e prendere in esame tutte le soluzioni possibili per migliorare il comfort e l’attesa, dal momento che il livello delle prestazioni dal punto di vista medico e tecnico è già altissimo. Dove serve faremo investimenti, in parte li stiamo già facendo, e vagliermo anche la disponibilità di personale”.

Il Pronto Soccorso Adulti dell’Ospedale Versilia gestisce un volume di circa 57.000 accessi all’anno con progressivo trend di incremento sia rispetto al 2013 che al 2012. Il numero di accessi giornalieri varia a seconda dei periodi dell’anno e dei giorni della settimana, con una media di circa 160 e con punte anche di 250/280 nei mesi estivi. Tra gli interventi migliorativi sono stati definiti alcuni percorsi dedicati, quali quello con l’Ortopedia per la gestione tempestiva delle fratture di femore, con la Cardiologia per il paziente con patologia cardiaca, con l’Area Medica per il paziente con patologia internistica, e con l’Area Chirurgica per il paziente con politrauma, e, in collaborazione con l’ASL n. 6 di Livorno, per il paziente neurochirurgico. Sono inoltre attivi i percorsi di “fast-track” in alcune fasce orarie particolari per l’invio diretto dal triage agli specialisti delle branche di otorino, oculistica e dermatologia e un protocollo di collaborazione con il personale del 118 per la gestione di ambulatori dedicati ai codici a bassa priorità.

Nel Nuovo Ospedale San Luca di Lucca si registrano in media 170 accessi al giorno e una particolarità che lo distingue a livello regionale è il fatto di poter contare, oltre ai letti di OBI (Osservazione Breve Intensiva), anche sulla Medicina d’Urgenza, un ulteriore setting di ricovero gestito direttamente dai medici del Pronto Soccorso dove i pazienti possono restare per un massimo di 72 ore.

A Lucca Marroni ha paretcipato anche all’incontro sull’informatizzazione della azienda. Si tratta di un piano concordato dalla Asl 2 con la Regione che punta sulle reti di trasmissione dati, pc delle postazioni lavoro e CED, sull’informatizzazione dei processi di assistenza favorendo la qualità e sicurezza, la polispecialità e la interattività, venendo così incontro alla persona e ai suoi bisogni reali: tutti i dati clinici che ruotano intorno al paziente infatti d’ora in poi saranno collegati direttamente a lui e non più al settore specifico che li produce.

No comments

*